Sabato della settimana della II Domenica dopo l'Epifania

Es 3, 7a. 16-20; Sal 94 (95); Ef 3, 1-12; Mt 10, 1-10

«Io so che il re d’Egitto non vi permetterà di partire, se non con l’intervento di una mano forte. Stenderò dunque la mano e colpirò l’Egitto con tutti i prodigi che opererò in mezzo ad esso, dopo di che egli vi lascerà andare».  (Es 3,19-20)

Il Signore si presenta a Mosè come colui che salva con potenza. Il suo intervento deciso contro il re d’Egitto è motivato dall’amore per il suo popolo, dalla sua volontà di salvarlo dall’oppressione.
Fare memoria del suo intervento è un invito a considerare la propria storia a partire dai momenti nei quali l’intervento del Signore nella propria vita ha comportato un cambiamento significativo, non perché sia successo qualcosa di prodigioso, ma perché si è aperto un periodo di maggiore libertà e autenticità. La memoria di quei momenti di liberazione può diventare l’occasione per rendere grazie e per valutare in quale modo si è stati capaci di custodirne il dono.

Preghiamo

Grande Dio è il Signore,
grande re sopra tutti gli dèi.
Nella sua mano sono gli abissi della terra,
sono sue le vette dei monti.

dal Salmo 94 (95)

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi