Mercoledì della I settimana di Avvento

Ger 2,1-9; Sal 13 (14); Am 5,10-15; Mt 9,9-13

Udito questo, disse: “Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati. Andate a imparare che cosa vuol dire: Misericordia io voglio e non sacrifici. Io non sono venuto infatti a chiamare i giusti, ma i peccatori”. (Mt 9,12-13)

La misericordia è qualche cosa da imparare! Mai data per scontata o saputa in anticipo! Gesù lo dice con forza ai farisei, stupiti nel vederlo condividere la tavola con peccatori e pubblicani. A loro, esperti conoscitori della legge, Gesù rivolge un richiamo proprio sulla loro ignoranza. La misericordia è frutto di accorato studio sulla parola: solo così si può diventare sapienti. I farisei (stolti?) sono così rimandati alla Scrittura («andate a imparare») che credevano di conoscere perfettamente. Solo così si può essere guariti e salvati. Lasciamo spazio alle parole di papa Francesco che, nel 2015, volle il Giubileo straordinario della misericordia: «Accettiamo anche noi l’invito a sederci accanto a Gesù insieme ai suoi discepoli. Impariamo a guardare con misericordia e a riconoscere in ognuno di loro un nostro commensale. Abbiamo tutti bisogno di nutrirci della misericordia di Dio, perché è da questa fonte che scaturisce la nostra salvezza».

Preghiamo

Lo stolto pensa: «Dio non c’è».
Sono corrotti, fanno cose abominevoli:
non c’è chi agisca bene.
Il Signore dal cielo si china sui figli dell’uomo
per vedere se c’è un uomo saggio,
uno che cerchi Dio.

Dal Salmo 13 (14)

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi