Mercoledì della settimana della I Domenica dopo l'Epifania

Sir 43, 1-8; Sal 103 (104); Mc 1, 21-34

Vanto del cielo è il limpido firmamento, spettacolo celeste in una visione di gloria. Il sole, quando appare nel suo sorgere, proclama: «Che meraviglia è l’opera dell’Altissimo!».  (Sir 43,2)

Il sapiente non pensa che il sole sia una divinità, come accadeva a molte culture a lui contemporanee, infatti mostra che il sole stesso rende gloria al Signore, riconoscendo la sua opera come meravigliosa.
Lo sguardo del sapiente determina un atteggiamento spirituale fondamentale, la capacità di rendere lode al Signore a partire da ciò che lui ha creato, così da essere in grado di lodarlo per i doni con cui ha arricchito l’esistenza di tutti.

Preghiamo

Quante sono le tue opere, Signore!
Le hai fatte tutte con saggezza;
la terra è piena delle tue creature. 

dal Salmo 103 (104)

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi