Giovedì dell'ultima settimana dell'anno liturgico

Ap 22, 1-5; Sal 45 (46); Mt 25, 14-30

Non vi sarà più notte, e non avranno più bisogno di luce di lampada né di luce di sole, perché il Signore Dio li illuminerà. E regneranno nei secoli dei secoli. (Ap 22,5)

Il veggente descrive l’incontro definitivo con il Signore: i santi fanno esperienza totale di lui, come di una luce che non si alterna al buio, ma che illumina costantemente. Quella realtà per ora è intuita e non ancora piena, però già ora è possibile fare esperienza di quella promessa, scoprendo che a ciascuno è donato di incontrare Dio in Gesù, ricevendo da lui la vita piena.

Preghiamo

Dio è per noi rifugio e fortezza,
aiuto infallibile si è mostrato nelle angosce.
Perciò non temiamo se trema la terra,
se vacillano i monti nel fondo del mare.

Dal Salmo 45 (46)

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi