Festa di S. Lorenzo

Is 43,1-6; Sal 16; 2Cor 9,6-10; Gv 12,24-33

«In verità, in verità io vi dico: se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto. Chi ama la propria vita, la perde e chi odia la propria vita in questo mondo, la conserverà per la vita eterna». (Gv 12,24)

Seguire Gesù, in questo contesto, con l’esempio del “chicco di grano”, vuol dire perdere la vita per produrre più frutto. Dopo l’espressione “mi segua”, c’è una promessa: “dove sono io, là sarà…”. Gesù è il “chicco di grano” che muore e risorge per donare a tutti una vita nuova e la nuova casa del Cielo. Noi siamo chiamati a seguirlo per servirlo, per far nostro il suo piano di salvezza. Questi pochi versetti di Giovanni sono un programma di vita per ogni cristiano, sono una speranza.
La comunità di Corinto è invitata ad aiutare la chiesa di Gerusalemme e Dio ricompenserà questo gesto di carità che è come una seminagione da cui ci si aspetta un raccolto abbondante.

Preghiamo col Salmo

Felice l’uomo pietoso che dà in prestito,
amministra i suoi beni con giustizia.
Egli non vacillerà in eterno:
il giusto sarà sempre ricordato.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi