Martedì della settimana della IX Domenica dopo Pentecoste

 

2Sam 6,1-15; Sal 131; Lc 11,5-8

“Almeno per la sua invadenza si alzerà a dargliene quanti gliene occorrono”. (Lc 11,8)

Gesù ci invita ad essere insistenti e persino invadenti. Nel vangelo di oggi ci viene detto di essere invadenti al cospetto di Dio. Insistenza e faccia tosta: qualità indispensabili agli oranti e ai mistici. Davanti a Dio non c’è posto per la nostra discrezione e timidezza: difatti “non abbiamo ricevuto uno spirito di timidezza” (2Tm1,7). C’è una lotta di espugnazione reciproca, con tutta la passione necessaria per questo corpo a corpo che è la preghiera (Gen 32,23-33!!). Dio vuole e brama la sincerità del nostro cuore, a noi è chiesto di desiderare la visione del suo volto.

Preghiamo col Salmo

Ricòrdati, Signore, di Davide,
di tutte le sue fatiche,
quando giurò al Signore,
al Potente di Giacobbe fece voto.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi