LUNEDI 20 MAGGIO - V settimana di Pasqua

At 15,1-12; Sal 121 (122); Gv 8,21-30

Ora dunque, perché tentate Dio, imponendo sul collo dei discepoli un giogo che né i nostri padri né noi siamo stati in grado di portare? Noi invece crediamo che per la grazia del Signore Gesù siamo salvati, così come loro. (At 15,10-11)

Il problema consiste nell’individuare l’origine e la causa della salvezza. I contestatori giudeo-cristiani la ritrovano nella Legge, alla quale è aggiunto l’intervento di Cristo. Per Paolo e Barnaba, invece, Gesù non può ridursi a un complemento. La prima soluzione è a favore di una Chiesa di stampo giudaico, la seconda facilita i provenienti dal paganesimo o etnico-cristiani. Da qui una domanda: quale rapporto un cristiano deve avere nei confronti delle tradizioni veterotestamentarie? Pietro, rispondendo ricorda l’assoluta gratuità della salvezza. La motivazione affonda le radici nella volontà di Dio. È Dio che, senza rinnegare quanto ha detto e fatto nel passato, appare libero nel proporre la via della salvezza. Questa gratuità rivelatasi in Gesù Cristo si snoda in un cammino costituito da più tappe: purificazione del cuore immerso nell’idolatria, ascolto della Parola, accettazione della fede, recezione dello Spirito. Per tutti i popoli è possibile accedere alla salvezza proprio tramite la Pasqua di Gesù.

Preghiamo

Signore Gesù,
nel mistero della tua morte e risurrezione
tu hai rivelato la gratuità dei doni di Dio.
Tieni fissi i nostri occhi sulla tua croce,
segno dell’amore di Dio per l’umanità.

[“Appartenenti a questa via” – La sequela e il cammino verso la santità. Quaresima e Pasqua 2019 – Centro Ambrosiano]

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi