At  19,21-20,1b; Sal 148; Gv 14,1-6

 

“Vado a prepararvi un posto…vi prenderò con me, perché dove sono io siate anche voi”.     (Gv 14,2-3)

 

“Non ora, più tardi”, diceva Gesù a Pietro. Non è una condanna, né un’esclusione. Gesù si è fatto uomo per stare con noi e offre la sua vita affinché stiamo con lui, nella sua dimora che è il Padre. Solo il Figlio, con ciò che è suo, può stare davanti al Padre. Solo lui è la via, la verità, la vita. Tutto il resto ha senso “tanto quanto” ci orienta a lui. Non è disprezzo per la fede altrui. Si tratta di scoprire che, al di là della confessione religiosa, solo l’offerta del Figlio è causa efficace di salvezza. Potrei conoscere in modo impeccabile la dottrina cattolica e tuttavia evitare ogni occasione di incontro col Cristo. Potrei essere un eretico(come il samaritano) e tuttavia prendermi cura dell’uomo incappato nei briganti per scoprire, alla fine, che era il Cristo stesso, che mi salva (Lc 10,29-37; Mt 25,31-46). La fede cristiana è oltre, pur includendola, la “forma” religiosa. Non ci accada di imitare gli artigiani di Efeso. La Chiesa è il corpo vivo di Cristo e non un club iniziatico. Crediamo al Figlio, crediamo al Padre; questa è l’opera dello Spirito in noi. Questo ci fa Chiesa.

 

Preghiamo

 

Il mio cuore e la mia carne

esultano nel Dio vivente.

Anche il passero trova una casa

e la rondine il nido

dove porre i suoi piccoli,

presso i tuoi altari.

Beato chi abita nella tua casa:

senza fine canta le tue lodi.                 

    (dal salmo 83)

                               

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi