At 11,1-8; Sal 66(67); Gv 7,25-31

 

«… ma nessuno riuscì a mettere le mani su di lui, perché non era ancora giunta la sua ora». (Gv 7,31)

 

Esiste una consapevolezza, diversa da quella comu­ne, che permette di guardare più in alto e più in là. Questa consapevolezza ha un punto d’appoggio diverso al proprio Io. È una coscienza che viene ricevu­ta, di cui non siamo noi gli artefici. È il caso di Pietro. Lui ha visto lo Spirito scendere su dei pagani per comu­nicare loro la vita nuova in Cristo. Così, il primo papa, se ne esce con quell’espressione: «Chi ero io per porre im ­pedimento a Dio?». Anche Gesù ha una consapevolezza diversa. Il capitolo 7 di Giovanni è costruito in maniera magistrale nel mostrare la confusione intorno all’identità di Gesù. È difficile afferrarlo (v. 30). Egli è sempre Altro (è il significato dell’aggettivo “santo”), ed è sempre oltre il nostro punto di vista. I nostri schemi sono inadeguati, lui li scompagina tutti. Non possiamo conquistarlo, pos­siamo però esserne conquistati (Fil 3,12) e così ci farà entrare nel “segreto” del suo essere figlio, della sua iden­tità, e in questo cammino che dura tutta la vita, e forse più, cominceremo ad assomigliargli.

 

 

Preghiamo

 

Dio abbia pietà di noi e ci benedica,

su di noi faccia splendere il suo volto;

perché si conosca sulla terra la tua via,

la tua salvezza fra tutte le genti.

(dal salmo 66)

 

[La Parola ogni giorno – "La creazione geme e soffre le doglie del parto". Gesù Cristo, sposo dell’umanità – Tempo di Pasqua 2012 – Centro Ambrosiano]

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi