Festa della Visitazione della B.V. Maria

Ct 2, 8-14; Sal 44 (45); Rm 8, 3-13; Lc 1, 39-56

Una voce! L’amato mio! Eccolo, viene saltando per i monti, balzando per le colline. L’amato mio somiglia a una gazzella o ad un cerbiatto. Eccolo, egli sta dietro il nostro muro; guarda dalla finestra, spia dalle inferriate. Ora l’amato mio prende a dirmi: «Àlzati, amica mia, mia bella, e vieni, presto!». (Ct 2,8-10)

La gioia dell’amore non resta nascosta. L’incontro con l’amato è motivo di vita per l’amata, ma la potenza di quell’incontro si diffonde, il ritmo festoso che caratterizza quelle parole risuona per tutti.
Così è avvenuto anche per Maria, dopo l’incontro con l’angelo del Signore che ha determinato il cambiamento totale della sua vita ella non riesce a tenere per sé la gioia di quel nuovo inizio. Inizio nuovo per lei e per l’intera umanità, che subito decide di condividere con Elisabetta.
Oggi è per tutti il giorno della gioia da condividere, chi riconosce la presenza del Signore non può tenere per sé quella notizia.

Preghiamo

Liete parole mi sgorgano dal cuore:
io proclamo al re il mio poema,
la mia lingua è come stilo di scriba veloce.

Dal Salmo 44 (45)

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi