Gen 27,1-29; Sal 118 (119),97-104; Pr 23,15-24; Mt 7,6-12

 

Chiedete  e vi sarà dato, cercate e troverete , bussate e vi sarà aperto. Se voi, dunque, che siete cattivi, sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto più il Padre vostro che é nei cieli darà cose buone a quelli che gliele chiedono!

Tutto quanto volete  che gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro: questa infatti è la Legge e i Profeti. (Mt 7,7.11-12)

 

Proviamo a fare un elenco delle cose che ci aspetteremmo dagli altri: comprensione, stima, affetto, qualche gratificazione, parole di incoraggiamento, perdono, un sorriso… Tutte queste cose buone Dio Padre ce le dà perché le chiediamo, le cerchiamo, le necessitiamo per avere una buona autostima e per poterle mettere in circolo, dandole agli altri. La “regola d’oro” della convivenza, formulata da varie tradizioni religiose, é in fondo questo: mettere in circolo le cose buone che Dio ci ha dato, ricevendole con riconoscenza dagli altri e dandole gratuitamente agli altri. Tutta la morale biblica si riassume qui.

 

Preghiamo

 

Mia eredità per sempre sono i tuoi insegnamenti,

perché sono essi la gioia del mio cuore.

Ho piegato il mio cuore a  compiere i tuoi decreti,

in eterno, senza fine.

(Sal 118)

 

 

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi