Venerdì della II settimana di Pasqua

At 4,23-31; Sal 2; Gv 3,22-30

Quand’ebbero terminato la preghiera, il luogo in cui erano radunati tremò e tutti furono colmati di Spirito Santo e proclamavano la parola di Dio con franchezza. (At 4,31)

Forse troppo spesso, gli spazi della nostra preghiera comune, i sacri luoghi delle nostre celebrazioni appaiono statici, ingessati e troppo silenziosi, e non si ascolta facilmente il tremore delle mura, né si avverte la presenza dello Spirito che colma ogni cosa e ogni vita. E forse anche per questo la nostra testimonianza è flebile e intimorita, poco pervasa da quella «franchezza» di cui ci parlano gli Atti degli Apostoli. Forse ci manca un po’ la vivacità che nasce dalla gioia di appartenere al Signore, e quella libera letizia che connota chi sa di muoversi dentro uno spazio “ricolmo di Spirito Santo”, quello spazio che è tanto la Chiesa quanto l’intero universo che Dio ama. È un dono che la prima comunità cristiana chiede a Dio, con umiltà e semplicità, sapendo che la vera forza dell’annuncio non sta nelle abilità del testimone, ma nella sua pervasività allo Spirito di Dio e nella luce che si sprigiona dalla Parola stessa. Che possiamo anche noi sperimentare questo vento che scuote e questa presenza che riempie.

Preghiamo

Loda il Signore, anima mia, alleluia.
Nella mia vita loderò il Signore, alleluia.
Finché avrò vita, canterò al mio Dio, alleluia.

(dalla liturgia)

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi