At 10,1-23a; Sal 86(87); Gv 6,60-69

 

«È lo Spirito che dà la vita, la carne non giova a nulla». (Gv 6,63)

 

In diversi passi biblici (es. Lv 17,10-12) viene enun­ciato il divieto del sangue. Essendo esso la vita, ap ­partiene solo a Dio. Non potendo mangiare del san­gue animale, capiamo cosa dovette essere lo scandalo nell’ascoltare la proposta di Gesù: «Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue…» (Gv 6,56). Salvo poi aggiungere che la carne non giova a nulla!

Per un ebreo la parola “carne” non aveva il signi­ficato sessuofobo che gli diamo noi, indicava bensì la fragilità umana che vuole affermarsi in modo autorefe­renziale. Nessuno di noi può avvicinarsi al Cristo perché pensa di avere capito tutto. Non possiamo appropriarci del mistero. Dio non è oggetto di rapina. Egli sa resistere ai superbi, ma si dà senza riserve e mi­sura agli umili (1Pt 5,5).

Liberamente ama, nella libertà vuole essere riamato. Guardiamo Pietro. Lui non pensa di avere capito tutto. Ma non può sottrarsi al fascino di colui che ha parlato. A confronto con le parole di Cristo tutto il resto sbiadisce (Fil 3,1-14). Le sue parole, invece, ardono come fuoco (Lc 12,49; 24,32).

 

Preghiamo col Salmo

 

La voce del Signore è sopra le acque,

tuona il Dio della gloria,

il Signore sulle grandi acque.

La voce del Signore è forza,

la voce del Signore è potenza.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi