Domenica III di Pasqua

 

At 19,1b-7; Sal 106(107); Eb 9,11-15; Gv 1,29-34

 

  «Giovanni, vedendo Gesù venire verso di lui, disse: “Ecco l’agnello di Dio, Colui che toglie il peccato del mondo”». (Gv 1,29)

 

Mentre Gesù è in fila con la gente che va a Giovanni per farsi battezzare, questi lo riconosce: «Ecco l’agnello di Dio, Colui che era prima, Colui sul quale è disceso e si è fermato lo Spirito, il Figlio di Dio!». Confessione di fede che suppone il compimento della vicenda terrena di Gesù e la riflessione della prima comunità cristiana e che l’evangelista pone sulla bocca del Battista, l’ultimo dei profeti, per ricapitolare la testimonianza di tutti i profeti. È proprio nel suo stare tra la gente in via di conversione che Gesù viene riconosciuto come colui che salva. Lì dove la sapienza umana non l’avrebbe cercato né atteso, fra i peccatori, Gesù viene e realizza le parole luminose di Isaia a proposito del servo-agnello (Is 53) e dello Spirito dimorante su di lui (Is 61,1-3). Crediamolo: Gesù ha tolto il peccato del mondo! Non è più necessario offrire sacrifici per ricevere il perdono; ci è invece necessario rimanere nel suo amore amandoci gli uni gli altri come lui ci ha amati per avere la pienezza della sua gioia (cfr Gv 15,9-12).

 

Preghiamo

 

Ringraziamo il Signore per il suo amore,

per le sue meraviglie a favore degli uomini,

perchè ha saziato un animo assetato,

un animo affamato ha ricolmato di bene.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi