Presentazione del Signore al Tempio

Ml 3,1-4; Sal 23; Rom 15,8-12; Lc 2,22-40

 

 La liturgia trova avverata la profezia del profeta Malachia sul Signore che entra nel tempio, giudica i sacerdoti infedeli, purifica dalla colpa e ristabilisce l’alleanza e l’offerta di un’obbligazione giusta, quando Gesù è presentato al tempio di Gerusalemme. (Ml 3)

 

A Gesù che viene presentato al tempio e offerto a Dio come primogenito, si fa incontro Simeone, quale sintesi e immagine di tutta la speranza messianica d’Israele. Il vecchio Simeone, certo della promessa ricevuta, riconosce Gesù e la salvezza di cui il Cristo è portatore e accetta il compiersi della sua esistenza.

Anche Anna, questa profetessa ormai avanti negli anni, che aveva però passato quasi tutta la sua vita in preghiera e penitenza riconosce Gesù e sa parlare di lui a quanti lo attendono. Anna e Simeone, a differenza di molti altri, capiscono che quel bimbo è il Messia perché i loro occhi sono puri, la loro fede è semplice e perché, vivendo nella preghiera e nell’adesione alla volontà del Padre, hanno conquistato la capacità di riconoscere la ricchezza dei tempi nuovi.

Prima ancora di Simeone e Anna è la fede di Maria che permette all’amore di Dio per noi di tramutarsi nel dono offertoci in Cristo Gesù.

 

Preghiamo col Salmo

 

Vieni, Signore nel tuo tempio santo.

Chi è questo re della gloria?

Il Signore degli eserciti e’ il re della gloria.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi