Gen 21,7-21; Sal 118 (119),73-80; Pr 10,28-32; Mt 6,19-24

 

La bocca del giusto espande sapienza, la lingua perversa sarà tagliata. Le labbra del giusto conoscono benevolenza, la bocca degli empi cose perverse. (Pr 10,31-32)

 

Attraverso il nostro linguaggio, i nostri discorsi, gli aspetti che sottolineiamo e facciamo risaltare con le nostre parole, noi possiamo allargare lo spazio di luce di questo mondo o incupirlo tristemente. Possiamo esprimere benevolenza e illuminare le cose buone di questo mondo, oppure possiamo gettare fango e ombra ed esprimere malevolenza, lamentela, accusa. Ciò che diciamo non è mai innocuo; i giudizi che esprimiamo non sono mai senza conseguenze; gli argomenti su cui torniamo spesso e costringiamo altri ad ascoltare non sono mai neutri: possono appesantire o possono alleggerire e liberare l’animo di chi ci ascolta. Essere attenti alle parole che da noi escono non sarà uno scrupolo eccessivo.

 

 

Preghiamo

 

Sta’ lontano dal male e fa’ il bene

e avrai sempre una casa.

Perché il Signore ama il diritto

e non abbandona i suoi fedeli.

La bocca del giusto medita la sapienza

e la sua lingua esprime il diritto;

la legge del suo Dio è nel suo cuore:

i suoi passi non vacilleranno.

(dal Salmo 37)

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi