Gen 13,1b-11; Sal 118 (119), 33-40; Pr 5,15-23; Mt 5,31-37

 

Poiché sono davanti agli occhi del Signore le vie dell’uomo, egli bada a tutti i suoi sentieri. L’empio è preda delle sue iniquità, è tenuto stretto dalle funi del suo peccato. Egli morirà per mancanza d’istruzione, si perderà per la sua grande stoltezza. (Pr 5,21-23)

 

I nostri giorni sono nelle mani di Dio. Anche quando proprio non sembra. Attendere non è vano, fidarsi non è esporsi alla delusione. Anche quando sembra di perderci in sentieri senza sbocco e senza gioia. Il saggio del libro dei Proverbi invita a custodire questa percezione fiduciosa: l’alternativa è la prigionia, la schiavitù indotta dalla nostra debolezza, la vacuità della nostra miopia e della nostra incapacità di comprendere. Rimanere in Dio (o a lui tornare) è ciò che ci può garantire di non rimanere sconfitti dalla lotta – spesso dura e aspra – che la vita a volte o sempre rappresenta. Non ci accada di snobbare i segni – pur piccoli e nascosti – con cui Dio mostra la sua cura per noi. Con discrezione, certo, senza proclami altisonanti, ma ci accompagna.

 

 

Preghiamo

 

Un canto nella notte mi ritorna nel cuore:

medito e il mio spirito si va interrogando.

Forse il Signore ci respingerà per sempre,

non sarà mai più benevolo con noi?

È forse cessato per sempre il suo amore,

è finita la sua promessa per sempre?

può Dio aver dimenticato la pietà,

aver chiuso nell’ira la sua misericordia?

(dal Salmo 77)

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi