Ottava del Natale nella circoncisione del Signore

Nm 6,22-27; Sal 66 (67); Fil 2,5-11; Lc 2,18-21

«Abbiate in voi gli stessi sentimenti di Cristo Gesù: egli, pur essendo nella condizione di Dio, non ritenne un privilegio l’essere come Dio.» (Fil 2,5-6)

Ci troviamo davanti a un inno cristologico molto bello e, se volessimo metterlo in pratica, sarebbe decisamente impegnativo. Il versetto 5 invita appunto ad avere gli stessi sentimenti di Gesù. Basta solo questo a mettere in discussione la nostra fede e il nostro essere discepoli di Gesù. Noi dobbiamo diventare specchio del volto di Cristo, il nostro modo di vivere e di sentire deve essere come il suo. Il principio della nostra vita concreta è la storia di Gesù: quel che lui ha fatto, detto e vissuto. Per poter avere questi stessi sentimenti di Gesù è necessario essere in una profonda familiarità con lui, una familiarità che nasce dall’ascolto della Parola, dalla partecipazione alla celebrazione eucaristica: tutto questo per dire che non ci si può improvvisare nell’essere cristiani. Il primo sentimento che bisogna coltivare è quello dell’umiltà, del riconoscere che ciò che siamo e che abbiamo l’abbiamo ricevuto da Dio: questo ci fa stare nella pace e nella gioia, certi che così raggiungeremo quella gloria che Dio regala ai suoi figli.

Preghiamo con il Salmo

O Dio, tu sei il mio Dio,
dall’aurora io ti cerco,
ha sete di te l’anima mia,
desidera te la mia carne
in terra arida, assetata, senz’acqua.

(dal Salmo 63)

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi