Domenica dopo l'ottava del Signore

Sir 24,1-12; Sal 147; Rm 8,3b-9a; Lc 4,14-22

«La sapienza fa il proprio elogio, in mezzo al suo popolo proclama la sua gloria. Nell’assemblea dell’Altissimo apre la bocca, dinanzi alle sue schiere proclama la sua gloria». (Sir 24,1-2)

Molto bello il brano del Siracide. La sapienza di Dio ci riempie di gioia immensa di fronte alla bellezza dell’universo e ci mette nelle condizioni di vedere il mondo e la vita con serenità e pace. La sapienza pervade il nostro mondo! Come è confortante sapere che in ogni luogo e in ogni situazione, seppur difficile e faticosa, la sapienza di Dio è sempre presente, è vicino a noi, è con noi. Addirittura, ha «posto le radici in mezzo a un popolo glorioso», ha messo la sua tenda fra le nostre tende, fra le nostre case, abita in mezzo a noi. Questo è quanto abbiamo vissuto nei giorni di festa del Natale del Signore. La sua è una presenza attiva perché la sua bontà e provvidenza non hanno limiti, anzi ci sorreggono e ci guidano nelle vicende umane. Non possiamo smettere di meravigliarci e di stupire. Ogni giorno, nei nostri mille impegni, facciamo spazio a Dio perché con i doni del suo Spirito, i nostri gesti siano segni visibili e concreti della sua benedizione.

Preghiamo

Padre di eterna gloria, che nel tuo unico Figlio ci hai scelti
e amati prima della creazione del mondo e in lui,
sapienza incarnata, sei venuto a piantare in mezzo a noi
la tua tenda, illuminaci con il tuo Spirito,
perché accogliendo il mistero del tuo amore, pregustiamo
la gioia che ci attende, come figli ed eredi del tuo regno.

(Colletta)

 

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi