Domenica dell'Incarnazione

Is 62,10-63,3b; Sal 71 (72); Fil 4,4-9; Lc 1,26-38a

«Siate sempre lieti nel Signore, ve lo ripeto: siate lieti. La vostra amabilità sia nota a tutti. Il Signore è vicino!». (Fil 4,4-5)

La gioia è un tema che percorre l’intera lettera ai Filippesi. Chi scrive è un apostolo sofferente che invita ripetutamente a gioire: questo è un paradosso! La gioia e il rallegrarsi sono il primo passo per sperimentare la pace interiore di Dio. Il credente ha tanti motivi per rallegrarsi nel Signore e il primo è fondato sulla certezza che il Signore è vicino. È questa presenza che fonda la speranza del cristiano, la quale si esprime nel suo risvolto personale e comunitario come gioia, amabilità, fiducia e pace. La gioia cristiana è radicata nella comunione di vita con il Signore ed è per questo che Paolo dice: «Rallegratevi nel Signore». Certo le circostanze della nostra vita possono essere a volte difficili e buttarci un po’ giù. Ma queste difficoltà non devono assolutamente impedirci di rallegrarci nel Signore. A una tale gioia si accompagna l’amabilità che porta a far sentire ciascuno a proprio agio. Questo brano ci invita a riflettere su come viviamo la gioia che il Signore ci dona. Chiediamoci: la nostra faccia è una “faccia da funerale” o riflette il volto di chi ha incontrato Gesù?

Preghiamo

Ora è tempo di gioia non ve ne accorgete?
Ecco faccio una cosa nuova,
nel deserto una strada aprirò.

(Gen Rosso)

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi