Sabato della I settimana di Avvento

Ez 3,22-4,3; Sal 129 (130); Eb 5,1-10; Mt 10,1-6

«Chiamati a sé i suoi dodici discepoli, diede loro potere sugli spiriti impuri per scacciarli e guarire ogni malattia e ogni infermità.» (Mt 10,1)

Dopo aver visto nei capitoli 5-7 il Discorso della montagna, inizia nel capitolo 10 del Vangelo secondo Matteo il secondo grande discorso, il Discorso della Missione, in cui si mettono in risalto tre aspetti: la chiamata dei discepoli, l’elenco dei nomi dei dodici apostoli che saranno i destinatari del discorso della missione e l’invio dei dodici. Successivamente viene descritto lo stile del discepolo nella missione.
Il compito o la missione del discepolo è seguire Gesù, il Maestro, formando comunità con lui e svolgendo la sua stessa missione: scacciare gli spiriti immondi, guarire ogni sorta di malattie e di infermità. Fare come ha fatto Gesù ha però una condizione essenziale: essere chiamati da lui e fare comunità con lui e con chi lui ha chiamato. Il cristiano non è un battitore libero ma può mettere in pratica quello che ha fatto Gesù solo se vive in comunione con lui e con i fratelli. Possiamo chiederci come viviamo queste due dimensioni nella nostra vita: la comunione con Gesù, con i fratelli e la missione e come entrambe si sostengono a vicenda.

Preghiamo

In questo mondo che è tuo, Signore,
perché tua è la terra e ogni cosa che essa contiene,
in mezzo alle fatiche, le lotte, le agitazioni,
donaci di stare davanti a te, faccia a faccia,
grati di guadagnarci il pane con le nostre mani,
orgogliosi di operare
per la continua venuta del tuo Regno. Amen.

(David M. Turoldo)

 

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi