LUNEDI 21 MARZO

LUNEDÌ DELLA SETTIMANA AUTENTICA

 

Gb 2,1-10; Sal 118 (119),153-160; Tb 2,1b-10d; Lc 21,34-36

 

 

State attenti a voi stessi, che i vostri cuori non si appesantiscano in dissipazioni, ubriachezze e affanni della vita e che quel giorno non vi piombi addosso all’improvviso; come un laccio infatti esso si abbatterà sopra tutti coloro che abitano sulla faccia di tutta la terra. Vegliate in ogni momento pregando, perché abbiate la forza di sfuggire a tutto ciò che sta per accadere e di comparire davanti al Figlio dell’uomo”. (Lc 21,34-36)

 

 

L’accalorato consiglio di Gesù ci richiama a non perdere la scioltezza dell’amore con la quale il Cristiano dovrebbe vivere i suoi giorni. Ci sono lacci di morte che imbrigliano la libertà che nasce dalla Carità e ne soffocano lo slancio. Ci sono cecità del cuore che rendono incerto il passo del discepolo. Papa Francesco ne ha denunciate con forza due alla Chiesa Italiana: il riporre la fiducia più nella sicurezza delle strutture che nella libertà dello Spirito e il ridurre la concretezza dell’Amore che Gesù ci ha rivelato ad una pura astrazione o a sterili intimismi. Solo una Chiesa umile, disinteressata e colma dello Spirito delle Beatitudini potrà presentarsi fiduciosa e piena di speranza di fronte al suo Signore.

 

 

 Preghiamo

 

Porgi l’orecchio, Signore, alle mie parole:

intendi il mio lamento.

Sii attento alla voce del mio grido,

o mio re e mio Dio,

perché a te, Signore, rivolgo la mia preghiera.

 

(Salmo 5)

 

[da: La Parola ogni giorno. Dio non ha creato la morte, Quaresima 2016, Centro Ambrosiano, Milano]

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi