Es 11,1-9; Sal 77; Lc 4,38-41

 

Il Signore aveva detto a Mosè: “Il faraone non vi darà ascolto, perchè si moltiplichino i miei prodigi nella terra d’Egitto”. (Es 11)

 

Per aprire il cuore alla fede non bastano i prodigi e neppure Dio vuole che la fede sia legata ai fatti prodigiosi, ma ogni intervento di Dio è segno della sua presenza e premurosa cura verso il suo popolo. Il faraone rifiuta di accogliere la parola di Mosè e di concedere ad Israele di lasciare l’Egitto, nonostante i fatti prodigiosi che poteva ben mostrargli che Dio era con il popolo e che accompagnava la sua storia. Anche Gesù compie gesti importanti e guarisce i malati che gli vengono presentati; gesti di amore e di manifestazione di come Gesù abbia la missione di liberare dal male e condurre a salvezza. Molti riconoscono la natura divina del ministero di Gesù ma lui non vuole essere riconosciuto per questi gesti, sarà il sacrificio supremo a connotare il suo mandato di salvatore delle genti e di messaggero del regno di Dio dove il male non ha casa.

 

Preghiamo col Salmo

 

Ciò che abbiamo udito e conosciuto

e i nostri padri ci hanno raccontato

non lo terremo nascosto ai nostri figli,

raccontando alla generazione futura

le azioni gloriose e potenti del Signore

e le meraviglie che egli ha compiuto.

 
 

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi