GIOVEDì 21 APRILE
 

 

At 10,34-48a; Sal 65 (66); Gv 7,14-24

 

«Non giudicate secondo le apparenze; giudicate con giusto giudizio!». (Gv 7,24)

 

Non possiamo certo fare a meno dell’apparenza: è quanto mai importante! È la prima forma di incontro con l’altro, è il primo modo di porci davanti all’altro. Soltanto “apparendo” entriamo in relazione; non solo: ma ciò che di noi, e dell’altro, appare dice molto di chi siamo, di cosa cerchiamo, di come ci poniamo. L’apparenza, dunque, va curata. Ma non tutto finisce lì! A volte essa è ambigua e può ingannare, può creare dell’illusioni, può dare delle sensazioni non coerenti. È dunque importante che tra ciò che appare e ciò che si è in profondità ci sia coerenza sincera. Curare le apparenze non significa mettersi delle maschere.

Ma anche nel giudicare gli altri è indispensabile non essere superficiali o ingenui. Il giudizio sull’altro è qualcosa di serio: non può essere dato con faciloneria, con improvvisazione, o in base ad un’intuizione. Ne va della stima, del rispetto dell’altro. Per questo Gesù mette in guardia: fate attenzione a come giudicate! Lo dice a proposito di se stesso: occorre conoscerlo in profondità e non fermarsi ai nostri criteri e alle nostre leggi.

 

 

Preghiamo

 

Signore, donaci la sapienza dello sguardo,

quella che vede il cuore dell’altro

e ne cerca la cura e il bene.

Insegnaci la stima e il rispetto

per ogni fratello che ci metti accanto.

 

 

 

[da: La Parola ogni giorno. La sapienza è uno spirito che ama l’uomo, Pasqua 2016, Centro Ambrosiano, Milano]

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi