Mercoledì, Settimana della III Domenica di Pasqua

At 8,18-25; Sal 32 (33); Gv 6,1-15


«E quando furono saziati, Gesù disse ai suoi discepoli: “Raccogliete i pezzi avanzati, perché nulla vada perduto”»
. (Gv 6,12)

In genere quando uno è sazio si sente a posto e se ne sta tranquillo. Ma Gesù non è così! Il racconto della moltiplicazione dei pani e dei pesci, il miracolo che più di ogni altro gli evangelisti hanno raccontato, si chiude sempre con questa attenzione fine di Gesù agli avanzi. Mentre quando si è nella ristrettezza si fa attenzione a tutto e non si spreca nulla, quando si è nell’abbondanza non ci si cura e facilmente si spreca.
Gesù non butta niente e nessuno. Non vuole che vadano perduti i pezzi di pane avanzati e non vuole che nessuno di coloro che il Padre gli ha affidato vada perduto: nel contesto dell’ultima cena, infatti, egli, pregando il Padre, dichiara: “Non ho perduto nessuno di quelli che mi hai dato” (Gv 18,9).
Se dovesse capitare di sentirci inutili, o messi da parte, considerati solo quando serve, non scoraggiamoci: Gesù non ci trascura e non dimentica mai nessuno dei suoi.

 

Preghiamo

Ti rendiamo grazie, Signore,
perché non ci fai mancare il pane quotidiano
e ti prendi cura di tutti i tuoi figli.
Insegnaci a non considerare mai nessuno inutile
e a non sprecare mai i tuoi doni.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi