Giovedì, Settimana della VI Domenica di Pasqua

Ascensione del Signore – Solennità

At 1,6-13a; Sal 46(47);Ef 4,7-13; Lc 24,36b-53

«Toccatemi e guardate; un fantasma non ha carne e ossa come vedete che io ho». (Lc 24,39)

Non è un fantasma colui che noi chiamiamo nostro Signore. Ha carne ed ossa. Il suo corpo si è im ­merso (battezzato) fino al fondo della nostra na ­tura e della nostra storia, fino al punto più basso: la morte in croce dello schiavo. Discese agli inferi per liberare Adamo ed Eva e tutta la loro discendenza, come con­templiamo nell’icona pasquale ortodossa. La morte non poteva trattenerlo. Il suo corpo risorto non è più sogget­to alla legge della morte: peccato, malattia, corruzione, le catene dello spazio e del tempo. Il Risorto, il Figlio, è tornato al disopra dei cieli, presso il padre, portando in sé stesso la caparra, l’anticipo dell’uomo perfetto e nuovo (Ef 4,13).

Gli angeli chiedono ai discepoli perché guar­dano il cielo. Gesù ci ha insegnato a pregare ogni giorno: “come in cielo così in terra”. Il movimento è inverso. Il cielo non è una terra di conquista. Dal cielo il Signore guarda sulla terra (Sal 33,13). Si prende cura di ciascuna delle sue creature. Lui, che ha vissuto per noi le doglie del parto (Gv 16,21;19,34) non si mette in pantofole. Dal cielo egli è Signore della storia, fino all’uomo perfetto, fino a quando sarà tutto in tutti (Col 3,11).

 

Preghiamo col Salmo

Ascende Dio tra le acclamazioni.
Dio è re di tutta la terra,
cantate inni con arte.
Dio regna sulle genti,
Dio siede sul suo trono santo.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi