S. Domenico

2Sam 5,1-12; Sal 88; Lc 11,1-4

 

“Uno dei suoi discepoli gli disse: “Signore insegnaci a pregare come anche Giovanni ha insegnato ai suoi discepoli”. (Lc 11,1)

 

Come diciamo spesso, Gesù racconta suo Padre. Quale modo migliore, per farcelo incontrare, che mettere nella nostra mente, nel nostro cuore e sulle nostre labbra le parole e i desideri propri del Figlio? Giovanni il battista questo non avrebbe potuto farlo. Solo nella comunione col Figlio eterno noi possiamo chiamare Dio “papà” (Gal 4,6). Ma non è un problema di parole e suoni. E’ una questione di somiglianza. Quella somiglianza che ci fu consegnata e affidata gratuitamente in principio e che è stata  deturpata dalla perdita della fiducia, avendo creduto al “racconto” del serpente (Gen 3,1ss). Gesù, sulla croce, “disegna” per noi un Dio diverso. Un Dio che si consegna nelle nostre mani per farci toccare che non abbiamo nulla da temere da Lui.

Contemplando il Figlio possiamo imparare anche noi a dire “abbà, papà” a Dio. Così il suo regno verrà e santificheremo il suo nome.

 

Preghiamo col Salmo

 

Egli mi invocherà: ”Tu sei mio padre,

mio Dio e roccia della mia salvezza”.

Io farò di lui il mio primogenito,

il più alto fra i re della terra.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi