LUNEDÌ 13 Marzo

 

Gen 12,1-7; Sal 118, 25-32; Pr 4,10-18; Mt 5, 27-30

 

 

29Se il tuo occhio destro ti è motivo di scandalo, cavalo e gettalo via da te: ti conviene infatti perdere una delle tue membra, piuttosto che tutto il tuo corpo venga gettato nella Geènna. 30E se la tua mano destra ti è motivo di scandalo, tagliala e gettala via da te: ti conviene infatti perdere una delle tue membra, piuttosto che tutto il tuo corpo vada a finire nella Geènna. (Mt 5,29-30)

 

Nel vangelo di oggi Gesù prosegue nel portare a compimento la Legge attraverso l’amore: nel rileggere il comandamento “Non commettere adulterio”, Gesù, ancora una volta, cerca lo spirito della Legge, senza rinchiudersi nella lettera e lo mostra insistendo sull’amore, sulla misericordia e sul rispetto, sole vie per umanizzare le persone. L’obiettivo del comandamento è la fedeltà reciproca, che passa da ogni piccolo gesto del quotidiano, ed è una fedeltà che chiede perseveranza e radicalità. Per dire questa radicalità Gesù arriva ad affermare che è meglio che perisca una delle membra piuttosto che tutto il corpo: è una affermazione che indica la serietà con cui va assunta la radicalità evangelica.

 

 

Preghiamo

 

So questo soltanto:

tutto quello che non è te per me è male,

non solo al di fuori di me, ma anche in me stesso;

e ogni mia ricchezza,

se non è il mio Dio, è miseria.

     (S. Agostino)

 

[da: La Parola ogni giorno. L’esistenza “in Cristo”, Quaresima e Pasqua 2017, Centro Ambrosiano, Milano]

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi