DOMENICA I DI QUARESIMA

 

Mt 4, 10-11

 

Allora Gesù gli rispose: «Vattene, Satana! Sta scritto infatti: Il Signore, Dio tuo, adorerai: a lui solo renderai culto». Allora il diavolo lo lasciò, ed ecco, degli angeli gli si avvicinarono e lo servivano. (Mt 4,10-11)

 

Le tentazioni di Gesù sono le tentazioni di tutti gli esseri umani: tentazione del pane, del prestigio e del potere. Tentazione del pane, ossia di poter fare a meno di Dio, di bastare a se stessi, di non dover attendere nulla da un Dio lontano, neppure il pane quotidiano. Tentazione del prestigio e del potere, ossia di essere più di Dio, di poter decidere della propria vita e di quella degli altri, mettendosi al posto del Creatore; tentazione del contare pe gli uomini e non per Dio. Gesù ha superato queste tentazioni perché era orientato dalla Parola di Dio e in essa trovava luce e nutrimento perché essa rivela che Dio non è un nemico lontano da abbattere, ma un Padre misericordioso, attento e vicino.

 

Preghiamo

Signore, non si esalta il mio cuore

né i miei occhi guardano in alto;

non vado cercando cose grandi

né meraviglie più alte di me.

2Io invece resto quieto e sereno:

come un bimbo svezzato in braccio a sua madre,

come un bimbo svezzato è in me l’anima mia.

3Israele attenda il Signore, da ora e per sempre. (Salmo 130)

 

Impegno Settimanale

Vincere il male con il bene: ogni giorno cercherò un’occasione in cui usare misericordia.

 

 

[da: La Parola ogni giorno. L’esistenza “in Cristo”, Quaresima e Pasqua 2017, Centro Ambrosiano, Milano]

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi