1Gv 3,10-16; Sal 132; Lc 17,3b-6 - S. Nome della b. Vergine Maria

Non meravigliatevi, fratelli, se il mondo vi odia. Noi sappiamo che siamo passati dalla morte alla vita, perchè amiamo i fratelli. (1Gv 3)

 

La fede in Cristo e la carità fraterna sono la sostanza del comandamento di Dio. Questo è il tema di fondo dell’insegnamento dell’apostolo Giovanni che insiste sulla necessità di amare con sincerità e spirito di servizio, senza attendersi per l’amore donato una ricompensa.

E’ la grazia di donare con gioia. Ma per questo occorre che lo Spirito ci guidi, ci sostenga e ci accompagni. e la pietra di paragone è nella disponibilità al perdono. Deposta ogni pretesa di giudizio, il fratello che ha compiuto verso di noi una colpa e si pente, va sempre perdonato, anche ripetutamente.

Anche questo comando di Gesù implica una vita di fede, perchè sembrerebbe assurdo il perdono, per questo i discepoli invocano da Gesù una fede rafforzata.

 

Preghiamo col Salmo

 

Ecco, com’è bello e com’è dolce

che i fratelli vivano insieme.

È come olio prezioso versato sul capo,

che scende sulla barba, la barba di Aronne,

che scende sull’orlo della sua veste.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi