MERCOLEDÌ DELLA SETTIMANA
DELLA II DOMENICA DOPO L’EPIFANIA

 

 

LETTURA
Lettura del libro del Siracide 44, 1; 46, 11-12

Facciamo ora l’elogio di uomini illustri, / dei padri nostri nelle loro generazioni. / Ci sono poi i giudici, ciascuno con il suo nome: / di coloro il cui cuore non commise infedeltà / e di quanti non si allontanarono dal Signore, / sia il loro ricordo in benedizione! / Le loro ossa rifioriscano dalla loro tomba / e il loro nome si rinnovi nei figli, / perché essi sono già glorificati.
 

SALMO
Sal 105 (106)

 

 

    ® Rendete grazie al Signore, il suo amore è per sempre.

 

Chi può narrare le prodezze del Signore,
far risuonare tutta la sua lode?
Beati coloro che osservano il diritto
e agiscono con giustizia in ogni tempo. ®

 

Ricòrdati di me, Signore, per amore del tuo popolo,
visitami con la tua salvezza,
perché io veda il bene dei tuoi eletti,
gioisca della gioia del tuo popolo,
mi vanti della tua eredità. ®

 

Abbiamo peccato con i nostri padri,
delitti e malvagità abbiamo commesso.
Ma Dio li salvò per il suo nome,
per far conoscere la sua potenza.®

 

 

VANGELO

Lettura del Vangelo secondo Marco 3, 31-35

In quel tempo. Giunsero la madre e i fratelli del Signore Gesù e, stando fuori, mandarono a chiamarlo. Attorno a lui era seduta una folla, e gli dissero: «Ecco, tua madre, i tuoi fratelli e le tue sorelle stanno fuori e ti cercano». Ma egli rispose loro: «Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?». Girando lo sguardo su quelli che erano seduti attorno a lui, disse: «Ecco mia madre e i miei fratelli! Perché chi fa la volontà di Dio, costui per me è fratello, sorella e madre».
 

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi