MERCOLEDÌ DELLA SETTIMANA
DELLA PENULTIMA DOMENICA DOPO L’EPIFANIA

 

LETTURA
Lettura del libro della Sapienza 13, 1-9

Davvero vani per natura tutti gli uomini / che vivevano nell’ignoranza di Dio, / e dai beni visibili non furono capaci di riconoscere colui che è, / né, esaminandone le opere, riconobbero l’artefice. / Ma o il fuoco o il vento o l’aria veloce, / la volta stellata o l’acqua impetuosa o le luci del cielo / essi considerarono come dèi, reggitori del mondo. / Se, affascinati dalla loro bellezza, li hanno presi per dèi, / pensino quanto è superiore il loro sovrano, / perché li ha creati colui che è principio e autore della bellezza. / Se sono colpiti da stupore per la loro potenza ed energia, / pensino da ciò quanto è più potente colui che li ha formati. / Difatti dalla grandezza e bellezza delle creature / per analogia si contempla il loro autore. / Tuttavia per costoro leggero è il rimprovero, / perché essi facilmente s’ingannano / cercando Dio e volendolo trovare. / Vivendo in mezzo alle sue opere, ricercano con cura / e si lasciano prendere dall’apparenza / perché le cose viste sono belle. / Neppure costoro però sono scusabili, / perché, se sono riusciti a conoscere tanto / da poter esplorare il mondo, / come mai non ne hanno trovato più facilmente il sovrano?   

SALMO
Sal 52 (53)

    ® Saggio è l’uomo che cerca il Signore.

Lo stolto pensa: «Dio non c’è».
Sono corrotti, fanno cose abominevoli:
non c’è chi agisca bene.
Dio dal cielo si china sui figli dell’uomo
per vedere se c’è un uomo saggio,
uno che cerchi Dio. ®

Sono tutti traviati, tutti corrotti;
non c’è chi agisca bene, neppure uno.
Non impareranno dunque tutti i malfattori
che divorano il mio popolo come il pane
e non invocano Dio? ®

Sì, Dio ha disperso le ossa degli aggressori,
sono confusi perché Dio li ha respinti.
Chi manderà da Sion la salvezza d’Israele?
Quando Dio ristabilirà la sorte del suo popolo,
esulterà Giacobbe e gioirà Israele. ®

VANGELO
Lettura del Vangelo secondo Marco 11, 12-14. 20-25

La mattina seguente, mentre uscivano da Betània, il Signore Gesù ebbe fame. Avendo visto da lontano un albero di fichi che aveva delle foglie, si avvicinò per vedere se per caso vi trovasse qualcosa ma, quando vi giunse vicino, non trovò altro che foglie. Non era infatti la stagione dei fichi. Rivolto all’albero, disse: «Nessuno mai più in eterno mangi i tuoi frutti!». E i suoi discepoli l’udirono.
La mattina seguente, passando, videro l’albero di fichi seccato fin dalle radici. Pietro si ricordò e gli disse: «Maestro, guarda: l’albero di fichi che hai maledetto è seccato». Rispose loro Gesù: «Abbiate fede in Dio! In verità io vi dico: se uno dicesse a questo monte: “Lèvati e gèttati nel mare”, senza dubitare in cuor suo, ma credendo che quanto dice avviene, ciò gli avverrà. Per questo vi dico: tutto quello che chiederete nella preghiera, abbiate fede di averlo ottenuto e vi accadrà. Quando vi mettete a pregare, se avete qualcosa contro qualcuno, perdonate, perché anche il Padre vostro che è nei cieli perdoni a voi le vostre colpe».    
 

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi