Santa Teresa Benedetta della Croce martire e patrona d’Europa - Festa SETTIMANA DELLA IX DOMENICA DOPO PENTECOSTE MERCOLEDÌ

Lettura

Lettura del profeta Osea 2, 15f-16. 17b. 21-22

 

Oracolo del Signore.

Ecco, la attirerò a me,

la condurrò nel deserto

e parlerò al suo cuore.

Là mi risponderà

come nei giorni della sua giovinezza,

come quando uscì dal paese d’Egitto.

Ti farò mia sposa per sempre,

ti farò mia sposa

nella giustizia e nel diritto,

nell’amore e nella benevolenza,

ti farò mia sposa nella fedeltà

e tu conoscerai il Signore.

 

[Oppure: Lettura agiografica

Passione di santa Teresa Benedetta della Croce, vergine e martire, patrona d’Europa

 

Edith Stein nacque a Breslavia, in una famiglia ebraica, nel ‘giorno dell’espiazio­ne’ il 12 ottobre 1881: a due anni rimase orfana di padre. Frequentò gli studi nel liceo e nell’università della città natale, conseguendo bril­lanti risultati. A 22 anni si trasferì a Gottinga per seguire i corsi di filosofia tenuti da Edmund Husserl, anch’egli di origini ebraiche, considerato uno dei maggiori filosofi del tempo. In questo periodo di intenso studio abbandonò gradualmente la pratica religiosa e dimenticò volutamente Dio, respingendo le accorate raccomandazio­ni della madre.

Quando Husserl si trasferì a Friburgo, volle presso di sé in qualità di assistente Edith, laurea­tasi nel frattempo con il massimo dei voti. Si impegnò nella promozione della donna, mettendo in luce la missione e la ricchez­za della femminilità. Il lutto per la morte di un amico carissimo fu per lei «il primo incontro con la croce e con la forza divina che trasmette a chi la porta». Fu il momento in cui la sua irre­ligiosità crollò e Cristo rifulse.

Nell’estate del 1921 trovò casualmente nella biblioteca di una persona amica l’Autobiografia di Santa Teresa d’Avila; la lesse e ne fu conquistata, sicura di aver trovato finalmente la verità. Ricevette il battesimo il 1° gennaio del 1922, festa della Circoncisione del Signore. L’incontro con il Cristianesimo non la portò a ripudiare le sue radici ebraiche ma, piuttosto, gliele fece riscoprire in pienezza.

Mentre attendeva all’insegnamento a Spira e a Münster, con ammirabile dedizio­ne svolse un’ingente mole di lavoro intellettuale, ma le leggi razziali la costrinse­ro a lasciare la cattedra. Guidata da eccellenti sacerdoti, che la sorressero nelle difficoltà, si aprì progres­sivamente a nuove conquiste spirituali. «Più uno si sente attratto da Dio – scrisse – e più deve uscire da se stesso, nel senso di rivolgersi al mondo per portarvi una ragione divina per vivere».

Nel 1934 coronò il progetto sognato fin dal giorno del battesimo: vestì l’abito reli­gioso nel Carmelo di Colonia, assumendo il nome di Teresa Benedetta della Croce. Alla priora dichiarò: «Non l’attività umana ci può salvare, ma soltanto la Passione di Cristo; la mia aspirazione è quella di parteciparvi».

Al Carmelo le fu demandata, insieme ad altre sorelle, l’attività letteraria del monastero. Scrisse articoli, commenti e interpretazioni filosofiche del Cristianesimo, e lavorò alla sua opera Essere finito ed Essere eterno. Donna di singolare intelligenza e cultura, ha lasciato molti scritti di alta dottrina e di profonda spiritualità.

Portata alle vette mistiche, seppe scorgere nella Croce la via che conduce alla gloria, e la luce che dalla Croce sprigiona le diede la forza per il sacrificio supre­mo.

Per sfuggire alla persecuzione nazista si trasferì in Olanda, dove venne arresta­ta il 2 agosto 1942. Non volle deporre l’abito carmelitano, al quale appuntò la stel­la gialla degli ebrei deportati. Morì nelle camere a gas di Auschwitz il 9 agosto 1942 e fu gettata nei forni crematori, offrendo il suo olocausto per il popolo di Israele.

L’11 ottobre 1998 papa Giovanni Paolo II l’iscrisse nell’albo delle sante martiri e nel 1999 la proclamò compatrona d’Europa.

Onore e gloria al Signore Nostro Gesù Cristo, che regna nei secoli dei secoli.]

 

Salmo

Sal 44 (45)

 

     R Ecco lo sposo viene: andate incontro a Cristo Signore.

 

Ascolta, figlia, guarda, porgi l’orecchio:

dimentica il tuo popolo e la casa di tuo padre;

al re è piaciuta la tua bellezza.

È lui il tuo signore: rendigli omaggio. R

 

Entra la figlia del re: è tutta splendore,

tessuto d’oro è il suo vestito.

È condotta al re in broccati preziosi. R

 

Dietro a lei le vergini, sue compagne,

a te sono presentate;

condotte in gioia ed esultanza,

sono presentate nel palazzo del re. R

 

Epistola

Lettera agli Ebrei 10, 32-38

 

Fratelli,

richiamate alla Memoria quei primi giorni: dopo aver ricevuto la luce di Cristo, avete dovuto sopportare una lotta grande e penosa, ora esposti pubblicamente a insulti e persecuzioni, ora facendovi solidali con coloro che venivano trattati in questo modo. Infatti avete preso parte alle sofferenze dei carcerati e avete accettato con gioia di essere derubati delle vostre sostanze, sapendo di possedere beni migliori e duraturi. Non abbandonate dunque la vostra franchezza, alla quale è riservata una grande ricompensa. Avete solo bisogno di perseveranza, perché, fatta la volontà di Dio, otteniate ciò che vi è stato promesso.

Ancora un poco, infatti, un poco appena,

e colui che deve venire, verrà e non tarderà.

Il mio giusto per fede vivrà;

ma se cede, non porrò in lui il mio amore.

 

Vangelo

Lettura del Vangelo secondo Matteo 25, 1-13

 

In quel tempo.

Il Signore Gesù disse ai suoi discepoli questa parabola: «Il regno dei cieli sarà simile a dieci vergini che presero le loro lampade e uscirono incontro allo sposo. Cinque di esse erano stolte e cinque sagge; le stolte presero le loro lampade, ma non presero con sé l’olio; le sagge invece, insieme alle loro lampade, presero anche l’olio in piccoli vasi. Poiché lo sposo tardava, si assopirono tutte e si addormentarono. A mezzanotte si alzò un grido: “Ecco lo sposo! Andategli incontro!”. Allora tutte quelle vergini si destarono e prepararono le loro lampade. Le stolte dissero alle sagge: “Dateci un po’ del vostro olio, perché le nostre lampade si spengono”. Le sagge risposero: “No, perché non venga a mancare a noi e a voi; andate piuttosto dai venditori e compratevene”. Ora, mentre quelle andavano a comprare l’olio, arrivò lo sposo e le vergini che erano pronte entrarono con lui alle nozze, e la porta fu chiusa. Più tardi arrivarono anche le altre vergini e incominciarono a dire: “Signore, signore, aprici!”. Ma egli rispose: “In verità io vi dico: non vi conosco”. Vegliate dunque, perché non sapete né il giorno né l’ora».

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi