Link: https://www.chiesadimilano.it/news/attualita/padre-patton-israele-guerra-2512360.html
Speciale

Venti di guerra sulla Terra Santa

Sirio 26 - 31 maggio 2024
Share

Conflitto

Padre Patton: «Non è una reazione ad una passeggiata sulla Spianata delle Moschee»

Il Custode di Terra Santa ha commentato da Gerusalemme il recente attacco lanciato dal gruppo Hamas contro lo stato di Israele: «È qualcosa di altamente organizzato»

di Daniele ROCCHIAgenSir

10 Ottobre 2023
Padre Francesco Patton, custode di Terra Santa (Foto: AFP/SIR)

«Onestamente credo che nessuno si aspettasse un attacco così pianificato nei minimi dettagli. Pensavo che potesse accadere qualcosa dopo le provocazioni e violenze cui avevamo assistito nei mesi scorsi. Quanto è accaduto non è una reazione ad una passeggiata sulla Spianata delle Moschee, è qualcosa di altamente organizzato». A parlare da una Gerusalemme completamente vuota è il Custode di Terra Santa, padre Francesco Patton.

Indicazioni alle comunità

«La situazione è molto grave, è stato dichiarato lo Stato di guerra. Nei luoghi dove siamo dislocati sappiamo di essere al momento al sicuro, ma dobbiamo essere prudenti e attenti a ogni possibile evoluzione della situazione. Il rischio di un allargamento del conflitto, esteso anche ai Territori palestinesi della Cisgiordania è reale e bisogna essere molto prudenti e pazienti», spiega il francescano.

La Custodia sin dal giorno dell’attacco, il 7 ottobre, sta dando indicazioni precise ai propri frati perché si muovano con accortezza, visto il momento delicato. Quindi «restare nei conventi» o spostarsi «solo se necessario per studio o lavoro».

La Custodia fa notare che le disposizioni restrittive disposte dalle Autorità di Israele, con lo Stato di guerra, «sono valide nel territorio della Custodia, dunque a Giaffa, Ramleh e Gerusalemme (incluse Beit Hanina e Ein Karem)». Sono state rimandate a data da destinarsi le celebrazioni di accoglienza in diocesi al patriarca latino e neo cardinale, Pierbattista Pizzaballa, in programma in questi giorni.

Moderazione e preghiera

L’attacco di Hamas ha suscitato manifestazioni di sostegno anche in tante città della Cisgiordania, dove la Custodia ha diverse parrocchie e santuari. Chiara l’indicazione del Custode: «In questo momento stiamo cercando di tenere le nostre parrocchie fuori dalle beghe politiche, come sempre facciamo in questi casi. Ci sono manifestazioni a sostegno di Hamas, come si possono vedere sui canali televisivi e sui social, ma l’indicazione è non lasciarsi tirare dentro perché non siamo qui per questo. L’invito è sempre alla moderazione e alla preghiera. Quando ci sono situazioni di conflitto i cristiani sono sempre la parte più debole. Di fatto dopo ogni guerra accade spesso che un buon numero di cristiani emigri all’estero».

Santuari aperti

Il pensiero di padre Patton va ai pellegrini che sono ancora in Terra Santa: «Per permettere loro di condurre l’esperienza spirituale nel migliore dei modi abbiamo deciso di lasciare i santuari aperti così che possono visitarli e pregarvi all’interno. Non sappiamo quanti gruppi ci sono attualmente, qualcuno si trova a Betlemme, altri nella Galilea, a Nazaret. Non appena sarà possibile faranno ritorno in Italia».

Le prospettive ad oggi non sono rosee: «Temo che con questo attacco, torneremo a stare da soli con i fedeli locali per diverso tempo. Da parte mia ho anche detto che non è prudente organizzare pellegrinaggi. Quando sarà di nuovo sicuro farlo allora daremo notizia e inviteremo le Chiese a ritornare. Siamo in ottobre, Mese del Rosario: chiedo a tutti di pregare per questa Terra dilaniata».

Leggi anche

Conflitto
Papa Francesco

Papa Francesco: «Seguo con apprensione e dolore quanto sta avvenendo in Israele»

Il pontefice ha manifestato il suo sostegno alle persone colpite dalla recente operazione militare. «La guerra è una sconfitta, è sempre una sconfitta»

di Lorenzo Garbarino

Israele
Israele Gaza

Padre Romanelli: «Sono ancora bloccato a Betlemme. La situazione peggiora ora dopo ora»

La testimonianza del sacerdote a capo della parrocchia latina, l’unica cattolica, di Gaza. «La sensazione diffusa è che solo un miracolo potrà evitare una guerra che sarà lunga e cruenta»

di Daniele ROCCHIAgenSir

Testimonianza
pexels-kevin-7744325

Una religiosa ambrosiana a Gerusalemme: «In questi momenti resta solo la preghiera»

Per suor Sandra Castoldi, Orsolina di Milano che da 9 anni vive a Gerusalemme e lavora al Patriarcato con il cardinale Pizzaballa, la situazione di questi giorni è la più grave di sempre

di Luisa BOVE

Israele
dialog

Di Segni: «La vita va avanti, non ci piegheremo al terrore»

La presidente dell’Unione delle Comunità ebraiche in Italia ha commentato l’allerta massima scattata attorno alle sinagoghe e ai centri ebraici. «La vita continua perché deve continuare. È giusto che siano rimaste aperte per le festività»

di M. Chiara BIAGIONIAgenSir

Israele
Israele Gaza

Akkad: «Le religioni siano l’acqua santa che spegne il fuoco dell’odio»

L'imam della Grande Moschea di Roma ha lanciato un appello alla pace. «Il dialogo interreligioso dal Concilio Vaticano II ci ha portati alla Dichiarazione di Abu Dhabi e all’enciclica Fratelli Tutti»

Conflitto
Cardinal Pierbattista Pizzaballa

Pizzaballa: «Emergenza molto grave. Temo che si arriverà alla guerra»

Il patriarca latino di Gerusalemme ha commentato l'attacco sferrato da Hamas dalla Striscia di Gaza verso il sud e il centro di Israele

di Daniele ROCCHIAgenSir

Appello
Hamas

Cei: «Medio Oriente, la Comunità internazionale compia ogni sforzo»

«Dolore e grande preoccupazione» in una nota della Presidenza della Chiesa italiana, che chiede «il pronto rilascio degli ostaggi». «Vicinanza e solidarietà» a quanti «soffrono a causa della violenza e vivono nel terrore e nell’angoscia»

di Riccardo BENOTTI Agensir

image (65)

Senza preghiera di intercessione non ci può essere la pace

Carri armati israeliani verso Gaza, sirene di allarme anti missili a Tel Aviv. Più di 400 le vittime palestinesi. Le prospettive sono terribili ma «non dobbiamo assuefarci al male. La guerra è sempre una sconfitta tanto più in una terra che dovrebbe essere di pace» commenta mons. Azzimonti