Rubrica

Parliamone con un film

Share

Vita

Povere creature! Il film simbolo della libertà

Il regista Yorgos Lanthimos dirige un film capace di scandalizzare, travolgere ma soprattutto divertire profondamente. Protagonista assoluta l'attrice Emma Stone, candidata anche agli Oscar

di Gabriele LINGIARDI

25 Gennaio 2024
Emma Stone in una scena del film Povere creature 

Photo Courtesy of Searchlight Pictures

Un film straordinario, ma non per tutti. Povere creature è uno di quei testi rari, capace di scandalizzare, sconvolgere, ma anche divertire ed essere amato profondamente.

Un’opera narrativa lineare che si pone però ai confini del cinema sperimentale. Il regista Yorgos Lanthimos, qui alla sua opera più costosa, non tradisce la sua vena d’autore fatta di idee filosofiche e di una messa in scena che rifiuta di lasciare indifferenti. La favorita, per intenderci, è il suo titolo più appetibile per il pubblico (ed è tutto dire). Per seguire le avventure di Bella Baxter, una notevole Emma Stone protagonista del film, bisogna prepararsi ad essere travolti da un’onda di immagini che non si dimenticano. Se ci si oppone, si rischia di soffocare, se ci si lascia trasportare, si riceve uno dei film più importanti della stagione.

Siamo in un mondo di fantasia, tra il gotico e lo steampunk, Godwin Baxter sta concludendo il suo esperimento più ardito. Ha trapiantato il cervello di un neonato morto nel cranio della madre. Bella, questo il suo nome, si risveglia come Frankenstein, bambina nel corpo adulto, con una gran voglia di scoprire ciò che c’è fuori dalla casa-laboratorio. Lanthimos riflette su corpo e anima, la padronanza di Bella della propria sessualità diventa un modo per farsi strada con gli altri. Il suo carattere si forma a partire dalle scoperte che fa. Lei, straordinario personaggio, è una forza che rompe gli schemi proprio grazie alla sua ingenuità.

Willem Dafoe in una scena di Povere creature
Courtesy of Searchlight Pictures

Lo stile è volutamente deformante a partire dalla scelta delle lenti: fish-eye, mascherini, grandangoli inquadrano set dalla sconfinata immaginazione. Un film che può visualizzare tutto, è un film che può anche parlare di tutto. Così queste “povere creature” fiere delle loro deformità, perché derivanti dalla vita vissuta e dal dolore passato, riescono a porre tante domande sulla nostra libertà e sul bisogno di emancipazione. Tutto parte da un corpo che vive con i sensi la realtà in cui è immerso, e da un cervello che impara a conoscerla, a indignarsi e, infine, a cambiarla. Non importa come sia il nostro corpo, quello che conta è la vita che sappiamo metterci dentro.

Questo contenuto non è disponibile per via delle tue sui cookie

La scheda del film

Regia di Yorgos Lanthimos. Con Emma Stone, Mark Ruffalo, Willem Dafoe, Ramy Youssef, Christopher Abbott.

Titolo originale: Poor Things. Genere Commedia, Drammatico, USA, 2023, durata 141 minuti.

Uscita cinema giovedì 25 gennaio 2024, distribuito da Walt Disney.

Temi: corpo, anima, sessualità, crescita, diversità, emancipazione, libertà, vita, viaggio, educazione

Leggi anche

Natale
Th Holdovers film

The Holdovers, il nuovo film con Paul Giamatti

Il regista Alexander Payne dirige uno dei film natalizi più belli che siano arrivati in sala negli ultimi anni. Una divertente commedia sull’educazione reciproca: solo imparando ad appoggiarsi sull’altro si può rendere il processo di accettazione di sé meno doloroso

di Gabriele LINGIARDI

Calcio
Chi segna vince

Chi segna vince, un film dedicato ai valori del calcio

Il regista neozelandese Taika Waititi dirige un film sullo sport con uno sguardo leggero, solare e divertito che sembra appartenere agli anni ’90. La pellicola si trasforma in un elogio degli ultimi, dove non vince davvero chi segna, ma chi si impegna di più

di Gabriele LINGIARDI

Cinema
Wonder White Bird

Wonder: White Bird, il valore della gentilezza

Tratto dal libro di R. J. Palacio, il film diretto dal regista tedesco Marc Forster narra una storia senza confini che ci insegna come si possa sempre cambiare vita, se davvero lo si vuole

di Gianluca Bernardini

Cinema
Wonka Paul King

Wonka, la terza Fabbrica di Cioccolato è di Paul King

Il regista americano firma la terza trasposizione del personaggio di Roald Dahl. Un musical che insegna come la fratellanza a volte cominci con il sedersi a tavola insieme, condividendo un buon cibo. Non solo durante le feste

di Gabriele LINGIARDI

Film
Un colpo di fortuna

Un colpo di fortuna, il nuovo film di Woody Allen

Il regista americano a 88 anni dirige una pellicola che riesce a parlare di coppie e fragilità rimbalzando tra una battuta e l’altra, un equivoco e una mossa del caso. Una specie in via d'estinzione nel panorama attuale