Rubrica

Parliamone con un film

Share

Calcio

Chi segna vince, un film dedicato ai valori del calcio

Il regista neozelandese Taika Waititi dirige un film sullo sport con uno sguardo leggero, solare e divertito che sembra appartenere agli anni ’90. La pellicola si trasforma in un elogio degli ultimi, dove non vince davvero chi segna, ma chi si impegna di più

di Gabriele LINGIARDI

11 Gennaio 2024
Una scena del film Chi segna vince

Chi non potrà mai vincere, perché non ne ha le capacità, può trionfare lo stesso a modo suo. Deve però smettere di sognare di elevarsi sopra gli altri per vendetta, e imparare a perdere da campione: insieme ai compagni con gioia, orgoglio e divertimento. È questo l’assunto sovversivo alla base di Chi segna vince.

Il regista Taika Waititi è d’altronde un esperto nel prendere i canoni dei generi e ribaltarli. Ha adattato Thor, il duro dio norreno e supereroe Marvel, rendendolo fragilissimo. Ha raccontato l’inesauribile e attualissimo orrore della Shoah nel suo miglior film, JoJo Rabbit, dal punto di vista di un bambino indottrinato dalla gioventù nazista. Qui prende il più classico dei film sportivi e lo trasforma in un elogio degli ultimi.

La storia è vera, ma Chi segna vince fa di tutto per non farla sembrare tale, punteggiando il suo andamento con umorismo (non per tutti) e personaggi caricaturali. L’irascibile allenatore Thomas Rongen (Michael Fassbender) è stato “esiliato” ad allenare la nazionale di calcio delle Samoa americane. La squadra è reduce da una delle più grandi umiliazioni nella storia dello sport: la sconfitta per 31 a 0 contro l’Australia. Il suo compito, nel film e nella realtà, è rimettere ordine e provare a ottenere un risultato minimo: non una vittoria, bensì un gol. Quello che non sono mai riusciti a fare.

Il film sembra appartenere agli anni ’90 per lo sguardo leggero, solare e divertito con cui si guarda allo sport. L’atmosfera è simile a Quattro sottozero, ormai un classico del cinema per famiglie. Osservando lo stato delle attività agonistiche in Italia, e in tutto il mondo, assimilare un messaggio semplice come quello di Chi segna vince diventa quasi un obbligo per chi si occupa di calcio. Quello vero, si intenda. Non lo show portato avanti da interessi economici, bensì quello che si svolge nei campetti e nelle strade. Una partita, ci dice il film, può essere un momento fondamentale per un paese intero. Il tifo (quello bello), l’impegno e la dedizione, possono cambiare le persone facendo capire che nella vita non esistono perdenti. Tutti siamo giocatori e la nostra performance non sarà valutata per quanti gol abbiamo fatto, ma da quanto di noi abbiamo messo in ogni calcio.

Questo contenuto non è disponibile per via delle tue sui cookie

La scheda del film

Regia di Taika Waititi. Con Michael Fassbender, Oscar Kightley, David Fane, Beulah Koale, Lehi Makisi Falepapalangi. Titolo originale: Next Goal Wins. Genere: Commedia, USA, 2023, durata 104 minuti. 

Uscita cinema giovedì 11 gennaio 2024, distribuito da Walt Disney.

Temi: sport, calcio, squadra, sconfitta, semplicità, orgoglio, tifo, amicizia, lavoro in team, crescita personale

Leggi anche

Cinema
Wonder White Bird

Wonder: White Bird, il valore della gentilezza

Tratto dal libro di R. J. Palacio, il film diretto dal regista tedesco Marc Forster narra una storia senza confini che ci insegna come si possa sempre cambiare vita, se davvero lo si vuole

di Gianluca Bernardini

Cinema
Wonka Paul King

Wonka, la terza Fabbrica di Cioccolato è di Paul King

Il regista americano firma la terza trasposizione del personaggio di Roald Dahl. Un musical che insegna come la fratellanza a volte cominci con il sedersi a tavola insieme, condividendo un buon cibo. Non solo durante le feste

di Gabriele LINGIARDI

Film
Un colpo di fortuna

Un colpo di fortuna, il nuovo film di Woody Allen

Il regista americano a 88 anni dirige una pellicola che riesce a parlare di coppie e fragilità rimbalzando tra una battuta e l’altra, un equivoco e una mossa del caso. Una specie in via d'estinzione nel panorama attuale