Vidimazione delle dichiarazioni dei superiori maggiori per permesso di soggiorno

A) La responsabilità di garantire alloggio e sostentamento dei consacrati e delle consacrate (appartenenti a istituti di vita consacrata o società di vita apostolica, maschili e femminili), condizione necessaria per l’ottenimento del permesso di soggiorno, compete ai Superiori maggiori, che devono esprimere tale impegno con testo scritto, sottoscritto in forma autografa.
La Cancelleria arcivescovile provvede alla vidimazioni delle predette dichiarazioni solo quando queste ricadono nella competenza dell’Arcidiocesi di Milano, sono in originale e recenti.

B) Per la concessione del permesso di soggiorno:
a) In primo luogo deve essere richiesto il nulla osta del Vicario episcopale per la vita consacrata, che dovrà essere contattato per concordare le procedure relative al suo ottenimento: S.E. Mons. Paolo Martinelli; 028556403; religiosi@diocesi.milano.it;
a) successivamente, in ragione delle regole vigenti per l’accesso alla Curia arcivescovile, occorre fissare un appuntamento con la Cancelleria arcivescovile per la vidimazione (può essere anche lo stesso giorno in cui si è fissato l’appuntamento per acquisire il nulla osta del Vicario episcopale per la vita consacrata), concordando data e ora (t. 02/8556.221/314; cancelleria@diocesi.milano.it), precisando il nominativo di chi si presenterà, consegnando l’originale del documento già provvisto del nulla osta. La vidimazione è rilasciata immediatamente, espletate le procedure per la sua produzione. Il compenso economico è previsto nella misura di euro 5 per ogni vidimazione effettuata. Se si preferisce è possibile inviare il documento mediante posta ordinaria, raccomandata o corriere (non possono essere vidimate le copie, pertanto non è possibile ricorrere alla email), da spedirsi a: Cancelleria arcivescovile; piazza Fontana, 2; 20122 Milano MI; Italia. Per il pagamento del compenso economico, previsto in questo caso nella misura di 5 euro per ogni vidimazione effettuata e delle eventuali spese di invio, se non si provvede in altro modo, verrà indicato dalla Cancelleria il codice IBAN per il bonifico. Ovviamente, nel caso, la Cancelleria non risponde della tempistica, dei disservizi o delle eventuali omesse consegne addebitabili al servizio postale.

C) Per il rinnovo del permesso di soggiorno:
in ragione delle regole vigenti per l’accesso alla Curia arcivescovile, occorre fissare un appuntamento con la Cancelleria arcivescovile per la vidimazione del documento del Superiore maggiore competente, concordando data e ora (t. 02/8556.221/314; cancelleria@diocesi.milano.it), precisando il nominativo di chi si presenterà, consegnando l’originale del documento. La vidimazione è rilasciata immediatamente, espletate le procedure per la sua produzione. Il compenso economico è previsto nella misura di euro 5 per ogni vidimazione effettuata. Se si preferisce è possibile inviare il documento mediante posta ordinaria, raccomandata o corriere (non possono essere vidimate le copie, pertanto non è possibile ricorrere alla email), da spedirsi a: Cancelleria arcivescovile; piazza Fontana, 2; 20122 Milano MI; Italia. Per il pagamento del compenso economico, previsto in questo caso nella misura di 5 euro per ogni vidimazione effettuata e delle eventuali spese di invio, se non si provvede in altro modo, verrà indicato dalla Cancelleria il codice IBAN per il bonifico. Ovviamente, nel caso, la Cancelleria non risponde della tempistica, dei disservizi o delle eventuali omesse consegne addebitabili al servizio postale.

Ti potrebbero interessare anche: