Link: https://www.chiesadimilano.it/news/chiesa-diocesi/delpini-memoriale-shoah-arbib-2717621.html
Sirio 26 - 31 maggio 2024
Share

Milano

Delpini al Memoriale della Shoah con Arbib e i ragazzi ambrosiani

Lunedì 15 gennaio doppio appuntamento per l’Arcivescovo: alle 18 incontro con il Rabbino in occasione della Giornata per l’approfondimento e lo sviluppo del dialogo tra cristiani ed ebrei; alle 19 la visita con un gruppo di adolescenti della Diocesi

11 Gennaio 2024
L'Arcivescovo al Memoriale della Shoah in occasione di un evento degli anni scorsi

Lunedì 15 gennaio l’Arcivescovo di Milano, monsignor Mario Delpini, si recherà al Memoriale della Shoah di Milano (piazza Edmond J. Safra 1) per una visita che si articolerà in due momenti distinti.

Alle 18 in Auditorium è in programma un dialogo con il Rabbino capo di Milano, Alfonso Arbib. L’evento è promosso dalla Diocesi di Milano e dal Rabbinato centrale di Milano, con l’adesione del Consiglio delle Chiese cristiane di Milano, e si inserisce negli eventi legati all’annuale Giornata per l’approfondimento e lo sviluppo del dialogo tra cristiani ed ebrei (17 gennaio).

La scala di Giacobbe

La riflessione di monsignor Delpini e di rav Arbib si svilupperà a partire dal seguente brano della Genesi: «[Giacobbe] fece un sogno: una scala poggiava sulla terra, mentre la sua cima raggiungeva il cielo; ed ecco gli angeli di Dio salivano e scendevano su di essa» (Genesi 28,12)

Come ha spiegato rav Arbib in un recente intervento, «la tradizione ebraica considera Yaakov il patriarca per eccellenza perché è colui che nei momenti più cupi della propria vita, perso nella notte, da solo, senza niente e senza nessuno, una pietra per cuscino e per giaciglio, riesce a sognare la scala che arriva al cielo, riesce a cogliere la presenza del divino ovunque, anche nella disperazione».

Spiega monsignor Luca Bressan, Vicario episcopale per la Cultura, la Carità, la Missione e l’Azione sociale: «Come Giacobbe, istruiti da Dio, ci incontreremo per riconoscere i sentieri del dialogo e della fraternità, dopo gli attentati del 7 ottobre 2023 e a fronte del crescente antisemitismo». Un allarme, quest’ultimo, sottolineato anche dalla Conferenza Episcopale Italiana, che nei giorni scorsi ha sollecitato a «organizzare le iniziative e le preghiere per la Giornata del 17 gennaio alla luce di un’attenzione al tema della speranza contro ogni antisemitismo».

Ragazzi “in uscita”

Alle 19 è in programma invece l’incontro di monsignor Delpini con alcuni adolescenti della Diocesi ambrosiana, il secondo dei tre appuntamenti promossi dalla Fondazione Oratori Milanesi nell’ambito dell’iniziativa «L’Arcivescovo ti invita»: un’occasione offerta ai giovani per “uscire” dall’ambito parrocchiale e conoscere, in sua compagnia, luoghi della città di particolare significato storico e umano.

Saranno 120 gli adolescenti, divisi in tre gruppi, a compiere un percorso guidato al Memoriale (conosciuto anche come Binario 21): monsignor Delpini si unirà a uno dei gruppi. Seguirà l’incontro in plenaria con l’Arcivescovo, nell’Auditorium.

«Per la vita di un adolescente – sottolinea don Stefano Guidi, direttore della Fom – è indispensabile mettersi in cammino, liberare la curiosità, confrontarsi anche con le pagine più dolorose e incomprensibili della storia umana. L’oratorio non è semplicemente uno spazio da abitare, ma una comunità educante che intende accompagnare gli adolescenti nel loro viaggio attraverso la storia. L’Arcivescovo sarà la nostra guida e, ancora una volta, con la sua presenza e la sua parola, mostrerà agli adolescenti come coltivare seriamente un comportamento “memoriale”».

Leggi anche

Pace-800×533-1

I credenti uniti in un pensiero di pace

Il messaggio indirizzato durante l'Avvento dall'Arcivescovo alle comunità religiose non cristiane presenti in Diocesi e le loro reazioni

Incontro
6

Giovani stranieri a Milano, ecco un «Seme» di futuro

Con gli adolescenti di due oratori l’Arcivescovo ha trascorso una serata con i minori non accompagnati arrivati in Italia da diversi Paesi e accolti dalla Comunità del Consorzio Farsi prossimo. Per loro e per tutti tre consegne: riconoscenza, grinta e responsabilità

di Annamaria BRACCINI