L’istituzione da molti decenni, attraverso la solidarietà di presbiteri e fedeli, assicura l’assistenza e le cure necessarie ai preti anziani e infermi

1.24468

Cari Confratelli,
come ogni anno in occasione del Giovedì santo prepariamo per tutti voi una scheda descrittiva del nostro clero distribuito per fasce di età e il fascicolo “Informazioni e servizi per i sacerdoti”, predisposto dalla Formazione Permanente del Clero e dalla Fondazione Opera Aiuto Fraterno. Ciò sarà fatto pervenire personalmente dai Decani ai nostri presbiteri ultra 75enni, mentre tutti gli altri potranno accedervi attraverso il portale della Diocesi (chiesadimilano.it).

Esprimo la mia gratitudine, insieme a quella dell’intera Equipe dell’Opera Aiuto Fraterno, a quanti di voi, partecipando in presenza martedì 23 febbraio alla Celebrazione penitenziale del Clero, hanno aderito all’actio proposta dall’Arcivescovo con la Colletta di solidarietà per i presbiteri anziani e malati. Infatti le risorse su cui possono contare i nostri preti anziani e malati sono sempre meno sufficienti a coprire il fabbisogno dei 56 ricoverati in Case di riposo e dei 50 che al loro domicilio necessitano di un/una badante h 24.

A chiusura del bilancio della Fondazione Opera Aiuto Fraterno, la nostra cassa comune, i numeri parlano chiaro: nel 2020 abbiamo erogato € 682.720,83 per compensare i costi delle degenze e del personale domestico a tempo pieno. Sul piano economico la pandemia ha messo in difficoltà tante famiglie e le nostre stesse Parrocchie. Anche la mancata celebrazione in duomo della Messa Crismale 2020 e della Messa in Coena Domini nelle Parrocchie ha provocato una riduzione delle offerte indirizzate alla  Fondazione OAF passate dai €  233.753,59 del 2019 ai 133.855,06 del 2020.

Ciò che ci ha permesso in modo provvidenziale di non abbandonare gli impegni economici a favore dei preti anziani sono state alcune offerte straordinarie, in particolare alcune eredità da parte di sacerdoti e di fedeli laici riconoscenti verso il presbiterio.

L’occasione del Giovedì Santo 2021 si presenta ancora a tutti noi come un invito a rinnovare dentro questo tempo il gesto della solidarietà fraterna come presbiterio. All’intensità del fare memoria davanti al Signore per il dono prezioso del nostro ministero, corrisponda la generosità di ciascuno di noi presbiteri ambrosiani a sostegno dei confratelli più bisognosi.

Buona Pasqua.

don Tarcisio Bove
Incaricato arcivescovile per il clero anziano e malato

Milano, Quaresima 2021

Ti potrebbero interessare anche: