Il Servizio Oratorio e Sport si è strutturato per accompagnare le comunità a educare attraverso lo sport. I percorsi che la nostra "Sezione Sport" mette a disposizione per gli oratori e per le scuole creano opportunità per riflettere, per incontrare, per fornire strumenti di crescita. L'appuntamento con l'Arcivescovo al Palameda di lunedì 18 ottobre 2021 apre il passo a occasioni di incontro e a dinamiche di gruppo che lo sport con i suoi valori può illuminare, pensando soprattutto al coinvolgimento degli adolescenti in questo anno "straordinario" per loro.


sport-2021-2022

Il prossimo anno pastorale della Sezione Sport si inserisce all’interno del piano di speciale attenzione per la fascia adolescenziale. Sarà un anno straordinario per gli adolescenti anche nell’ambito della pastorale dello sport.

In ambito sportivo l’emergenza educativa legata alla fascia adolescenziale parte dai 12/13 anni, età in cui inizia a verificarsi un drastico abbandono della pratica sportiva in oratorio.

Possiamo leggere questo fenomeno principalmente legandolo a due realtà: la naturale e progressiva disaffezione e poca attitudine alla pratica sportiva e la proposta sportiva stessa che diventa più esigente sotto un profilo prestazionale e questo genera purtroppo uno scarto significativo.
In ambito oratoriano pochi sono gli adolescenti che praticano sport e quei pochi diventano pochissimi se si considera la fascia dell’alta adolescenza (17/18 anni).
Questo vuoto sportivo è anche un significativo vuoto educativo e relazionale, ulteriormente amplificato dall’esperienza del Covid. Registriamo quindi una diminuzione sensibile della proposta educativa sportiva adolescenziale che si riscontra principalmente nella mancanza di iscrizioni ma che si verifica anche quando pensiamo a esperienze sportive informali.
A questo quadro si va ad aggiungere una ulteriore analisi: la proposta sportiva oratoriana (ragionevolmente coordinata con il progetto educativo oratoriano) si limita molto spesso – anche per ragioni logistiche – al gioco del calcio e più raramente a quello della pallavolo. Pochissime le esperienze di pallacanestro o ginnastica, quasi nulle le altre pratiche sportive.

Ecco allora che la situazione descritta precedentemente richiede una lettura maggiormente attenta; nell’analisi della realtà femminile, ad esempio, risulta che la proposta sportiva oratoriana sia decisamente deficitaria e il grado di abbandono molto più significativo di quello maschile. Da questa semplice ed embrionale analisi è facile cogliere come l’invito ad una attenzione educativa speciale al tempo dell’adolescenza diventa prioritaria anche in ambito sportivo.

Il fine non è far praticare sport agli adolescenti, ma aiutare le realtà ad affrontare la problematica adolescenziale (e preadolescenziale) anche attraverso gli strumenti che lo sport può dare.

 

Lo sport tesoro per la vita

Una esperienza sportiva che sia guidata da buoni allenatori e educatori può regalare un patrimonio importante che diventa un “tesoro” per la vita presente e futura di ragazzi e ragazze, soprattutto nell’età dell’adolescenza.

Lo sport insegna a:
– prendersi cura di sé e del proprio corpo;
– cogliere il valore dell’impegno e della fatica;
– ripartire anche nei momenti più difficili e coltivare la resilienza;
– valorizzare le dinamiche di gruppo e l’amicizia attraverso il talento di ciascuno.

 

  

Lunedì 18 ottobre 2021, ore 20.45
L’Arcivescovo incontra il mondo dello sport

Palameda
Meda, via Udine 1/a

È un appuntamento atteso quello dell’Arcivescovo Mario Delpini con il mondo dello sport. Al Palameda sono invitati in particolare allenatori e dirigenti sportivi, soprattutto quelli che hanno a che fare con le fasce d’età dai 12 ai 18 anni.

Nell’Anno straordinario Adolescenti dialogheremo sul valore dello sport come risposta all’emergenza educativa. Diremo che lo sport c’è e fa la sua parte nel sostenere la crescita integrale di ogni ragazzo o ragazza, pensando in particolare al mondo dell’adolescenza e alla necessità del recupero di spazi relazionali e di socialità, soprattutto dopo i mesi duri dei lockdown dovuti alla pandemia.

Sarà una serata di festa quella del 18 ottobre nella quale si intervalleranno momenti di ascolto e confronto ed esibizioni sportive.

 

L’Arcivescovo consegnerà la sua nuova lettera rivolta al mondo dello sport per l’anno pastorale 2021-2022. Le sue parole ci aiuteranno a impostare, dal punto di vista delle attenzioni educative, il lavoro dell’anno che ci attende.

Un momento centrale sarà il dialogo fra alcuni testimonial e Delpini su temi come il valore dell’impegno e della fatica per il cammino di crescita di ciascuno, i concetto di resilienza e di rinascita tanto importanti in questo momento dello storia, la valorizzazione del gruppo attraverso il talento di ciascuno.

 

Costruiremo la serata nel rispetto dei protocolli che saranno validi in quel periodo. Gli ingressi saranno consentiti secondo una capienza massima e secondo le misure che saranno da adottare al momento. Per partecipare è necessaria dunque la prenotazione che sarà disponibile attraverso un modulo on line da metà settembre 2021 sul sito www.chiesadimilano.it/pgfom (sezione sport). 

 

 

Progetti per oratori e società sportive

 

Novità 2021-2022
Progetto Playground

Lo sport va in giro e contagia le comunità con i suoi valori e la sua carica: è il progetto Playground, una novità che parte in questo anno pastorale 2021-2022 e che è prevista perché si svolga durante le attività dell’anno oratoriano e come occasione per fare qualcosa di “straordinario” con gli adolescenti, anche a tema sportivo.

Un oratorio o una comunità pastorale può candidarsi per accogliere una “settimana di sport” nella propria realtà, coinvolgendo in particolare i gruppi di preadolescenti e adolescenti.

 

Che cosa prevede la tappa nella propria comunità?

– un incontro di catechesi gestito da educatori qualificati ad entrare in dialogo con preado e ado, utilizzando il linguaggio dello sport;

– un incontro testimonianza sul valore dello sport con un atleta di interesse nazionale (la testimonianza sarà rivolta sia ai ragazzi sia ai genitori);

– un incontro formativo per educatori/allenatori;

– una giornata di sport in oratorio con attrezzature e operatori sportivi (sul modello del Ora Sport Day estivo).

 

Per maggiori chiarimenti e per offrire la propria candidatura scrivere a sport@diocesi.milano.it

  

 

Con novità di impostazione per coinvolgere i gruppi di preadolescenti e adolescenti, possibilmente “in presenza” senza escludere interventi on line, continuano i progetti e le esperienze di «Non si limita il talento», con gli incontri/testimonianza dei campioni del basket in carrozzina della Briantea 84, e di «Controvento» che mette in dialogo i ragazzi con il campione paralimpico di sci nautico Daniele Cassioli. Per impostare i percorsi di testimonianza occorre scrivere a sport@diocesi.milano.it

 

 

Formazione educatori

La Sezione Sport si mette a disposizione delle comunità o dei decanati che intendono formare gli educatori di preadolescenti e adolescenti con incontri o percorsi specifici dedicati a temi sportivi. L’attivazione di questi appuntamenti rientra nel piano formativo che la Fom mette a disposizione degli oratori per l’accompagnamento degli educatori dei gruppi oratoriano di preadolescenti e adolescenti (cfr. volantino Piano formativo della Fom ne Il Gazzettino della Fom n. 6 del 2021).

Il tema dello sport può quindi essere approfondito e preso in carico considerando l’educazione integrale di preadolescenti e adolescenti che non può “tenere fuori” la dimensione dello sport come “tesoro” per la propria vita.

Nei momenti formativi, che è possibile svolgere su uno o più incontri, si potrà dare uno sguardo al concetto di “sport in oratorio”, come attenzione da inserire con azioni progettuali mirate dentro il progetto educativo dell’oratorio. Insieme agli educatori si verificheranno quali possano essere l’organizzazione, le competenze, le buone pratiche che possano rendere lo sport con preado e ado in oratorio una vera risorsa educativa.

Inoltre, si possono costruire percorsi che prendano in considerazione il rapporto fra oratorio e società sportive, la relazione degli educatori con gli altri ruoli educativi come l’allenatore e il dirigente, le dinamiche educative con i genitori quando c’è di mezzo lo sport.

 
Per attivare incontri e percorsi per educatori è possibile compilare il modulo di iscrizione.

 

Per informazioni e chiarimenti si può scrivere o a segreteriafom@diocesi.milano.it o a sport@diocesi.milano.it

 

 

 

Per la scuola

Proponiamo per le scuole primarie e secondarie di I e II grado percorsi che utilizzano la pratica sportiva per raggiungere obiettivi di miglioramento del benessere e delle performance scolastiche e sviluppare temi di cittadinanza attiva.

I moduli sportivi che mettiamo a disposizione delle scuole sono quattro:

  1. Back to school, sul tema delle regole e la bellezza dello stare insieme, valorizzando le dinamiche di gruppo.
  2. Motivazione e ri-motivazione all’impegno, per trovare slancio nella costruzione del proprio futuro, a confronto con atleti paralimpici di alto livello.
  3. Dinamiche di inclusione, per condurre gli studenti a riconoscere i talenti di ciascuno, andando oltre limiti fisici o sociali.
  4. Attenzione alla cura di sé, per occuparsi della propria crescita e non cadere nel rischio di “facili strade”.

 

Tutti e quattro i moduli prevedono due incontri, generalmente uno in classe e uno in palestra. Lo stile che presentiamo è quello della co-progettazione con la scuola e quindi della definizione condivisa dei quadri orari.

Sarà possibile prevedere anche un eventuale incontro con i genitori.

 

Eventi diocesani
Fom-Csi Milano

Notte bianca dello sport
21-22 maggio 2022 in ciascun oratorio

Straoratorio
corsa degli oratori al Parco di Monza
4 giugno 2022

Ti potrebbero interessare anche: