Share

Messaggio

Delpini ai musulmani: «Edifichiamo insieme la cultura dell’incontro e della pace»

L’Arcivescovo scrive per la fine del Ramadan, in gran parte coincidente con la Quaresima cristiana: «Ci siamo allenati insieme a rimettere al centro della storia Dio... Gli incontri generati da questo tempo ci hanno fatto crescere nell’esperienza di dialogo, che è prima di tutto un percorso spirituale»

di monsignor Mario DELPINIArcivescovo di Milano

4 Aprile 2024

Cari fratelli e sorelle musulmani,

vi presento i migliori auguri – miei personali e di tutti i cristiani della Chiesa ambrosiana – per la prossima festa di ‘Id al-Fitr.

Vi scrivo nel giorno in cui la Chiesa cattolica festeggia la Domenica di Pasqua nella Resurrezione del Signore Gesù, e ringrazio le comunità che mi hanno fatto giungere i loro auguri. In questo giorno si compie e si rivela tutto il significato del cammino di penitenza e preghiera che abbiamo vissuto per quaranta giorni, la Quaresima: un cammino voluto per togliere dalle nostre vite qualsiasi distrazione e concentrarci su Dio, sul suo disegno di salvezza per noi.

Come lo scorso anno, abbiamo condiviso gran parte di questo momento fondamentale della nostra fede con il vostro mese di Ramadan. Una circostanza temporale che è molto più di una semplice coincidenza. Ci siamo allenati insieme a rimettere al centro della storia Dio, ricordandoci che quando l’uomo estromette Dio dalla sua vita finisce per adorare le cose terrene, e che la vera religiosità è quella che adora Dio e ama il prossimo.

Stiamo vivendo tempi difficili: la pace è insidiata da guerre che sentiamo vicine e la violenza si insinua come un tentatore anche nei rapporti più quotidiani e familiari. È nostro compito, è compito delle religioni aiutare a discernere il bene e a metterlo in pratica con le opere, con la preghiera e con la fatica del lavoro interiore, per edificare la cultura dell’incontro e della pace, fatta di pazienza, comprensione, passi umili e concreti. Faccio mie le parole di papa Francesco: in questo tempo di conflitti, le religioni «siano albe di pace, semi di rinascita tra devastazioni di morte, echi di dialogo che risuonano instancabilmente, vie di incontro e di riconciliazione per arrivare anche là, dove i tentativi delle mediazioni ufficiali sembrano non sortire effetti».

Fratelli universali. Questo è il compito che come uomini di fede abbiamo dentro la storia, anche qui a Milano, proprio in questo periodo. Sono sicuro che gli incontri vissuti nelle terre ambrosiane tra le comunità cristiane e le comunità musulmane, generati proprio dal tempo di Quaresima e di Ramadan, ci hanno fatto crescere in questa esperienza di dialogo, che è prima di tutto un percorso spirituale, un cammino di conversione a Dio. Rendiamo grazie a Dio per questo cammino.

In atteggiamento di preghiera e di stima, vi saluto.

Leggi anche

San Siro
pioltello

L’Arcivescovo: «Su Pioltello una crociata che ha complicato la vita»

«Non so se enfatizzare la notizia sia stato un buon servizio»: così l’Arcivescovo, a margine dell’Incontro Cresimandi, sulla scuola che chiude per la fine del Ramadan

Oratorio
L’ uscita della Scuola Primaria Comprensivo Iqbal Masih di Via Molise, 6 a Pioltello

Don Marco Taglioretti: «A Pioltello l’integrazione è un desiderio reciproco»

Uno dei tre parroci firmatari della lettera aperta ai fedeli testimonia numerose occasioni di incontro e dialogo tra le diverse culture e religioni: «Della vicenda della scuola si è parlato tanto, ora vogliamo tornare alla normalità»

di Lorenzo GARBARINO

Comunicato
Pioltello

Scuola di Pioltello, la lettera dei parroci

In merito alla vicenda della scuola Iqbal Masih, nelle chiese cittadine in tutte le messe di domenica 24 marzo la lettura di una dichiarazione firmata da don Andrea, don Giacomo e don Marco

Il caso
L’ uscita della Scuola Primaria Comprensivo Iqbal Masih di Via Molise, 6 a Pioltello

«Scuola chiusa per il Ramadan, scelta adeguata alla realtà di Pioltello»

Roberto Pagani, responsabile del Servizio diocesano per l’Ecumenismo e Dialogo, sulla vicenda dell’istituto che il 10 aprile sospenderà le lezioni: «È una località in cui risiedono cittadini di oltre 160 nazionalità e quindi il tema interculturale e interreligioso è più avvertito». L'Arcivescovo: «La religione è una delle cose più importanti della vita»

di Annamaria BRACCINI