L’Ufficio Amministrativo Diocesano è costituito all’interno del Settore per gli Affari Generali. Suo scopo è quello di collaborare con l’Arcivescovo e i suoi Vicari, con il Consiglio per gli affari economici della diocesi (CAED) e il Collegio dei Consultori (CoCo) e l’Economo diocesano, per tutto quanto concerne l’amministrazione dei beni appartenenti alle persone giuridiche pubbliche soggette all’Arcivescovo.

In particolare:
a) presta consulenza agli amministratori sia di carattere generale, sia per i singoli atti;
b) vigila sull’amministrazione ordinaria e straordinaria (cf can. 1276, § 1);
c) provvede a istruire le pratiche relative alle autorizzazioni di competenza del Vescovo o dell’Ordinario diocesano (cf Istruzione circa gli atti amministrativi soggetti ad autorizzazione e le annesse Tabelle) e alla predisposizione dei relativi decreti;
d) conserva aggiornata la situazione patrimoniale degli enti e il relativo archivio.

Nell’esercizio delle predette funzioni l’Ufficio si avvale della collaborazione degli altri Organismi di Curia secondo la specifica competenza di ciascuno, come determinata dal presente Statuto.
L’Ufficio è retto secondo la strutturazione prevista nella Parte Prima per gli uffici (cf punto 2.4).

Spetta in particolare al Responsabile, oltre alla conduzione e organizzazione dell’Ufficio:
a) il rapporto con gli amministratori degli Enti per quanto attiene gli orientamenti di carattere generale in materia amministrativa e una prima valutazione dei singoli atti (per quanto riguarda i soggetti su cui estende la sua competenza l’Ufficio Enti tale competenza concerne solo gli atti sottoposti ad autorizzazione);
b) il rilascio, al termine dell’iter previsto (nel caso in cui questo preveda l’acquisizione del parere di altri Organismi e vi siano divergenze in ordine alla concessione dell’autorizzazione richiesta, deve essere acquisito il giudizio favorevole del Vicario episcopale per gli Affari generali), come delegato dell’Ordinario diocesano, delle autorizzazioni di competenza stabilite nell’Istruzione circa gli atti amministrativi soggetti ad autorizzazione e nelle annesse Tabelle;
c) il riferimento per tutte le problematiche concernenti l’Ufficio al Vicario episcopale di settore;
d) il rilascio di copie conformi di decreti e documenti in possesso dell’Ufficio (ad esclusione quindi dei documenti autorizzativi, il cui originale è custodito esclusivamente nell’archivio corrente di curia presso la Cancelleria arcivescovile), in qualità di Notaio di Curia (cf cann. 483-484).

Per una migliore organizzazione interna, vista l’ampiezza della materia seguita, l’Ufficio è articolato in due Sezioni (Autorizzazioni e Controllo), con a capo un Collaboratore del Responsabile dell’Ufficio (o anche lo stesso Responsabile).

All’Ufficio Amministrativo Diocesano è annessa la Segreteria Unificata Autorizzazioni, funzionalmente dipendente dal Responsabile dell’Ufficio, ma che offre anche all’Ufficio per i Beni Culturali il supporto per quanto attiene le richieste di autorizzazione nelle materie di competenza.

Ti potrebbero interessare anche: