Convegno promosso dalla Commissione diocesana sport a partire dalla presentazione del “Manifesto dello Sport Educativo”. Invito rivolto a società sportive, allenatori, dirigenti e sacerdoti

Manifesto Sport Educativo

“L’educazione scende in campo. Per uno sport che non vogliamo perdere” è il tema del convegno promosso dalla Commissione diocesana sport, in programma sabato 2 febbraio, dalle 9.30 alle 12.30, presso il Salone Pio XII (via S. Antonio 5, Milano).

Il convegno prende avvio dalla presentazione del Manifesto dello Sport Educativo preparato dall’Ufficio Sport della Conferenza Episcopale Italiana in collaborazione con gli enti sportivi di ispirazione cristiana: dodici associazioni cattoliche operanti nel settore (Csi, Anspi, Cnos Sport, Libertas, CdO sport, Entel, Federcultura Turismo Sport di Confcooperative, Fisiae, Noi Associazione, Pgs, Sportmeet, Us Acli).

L’invito è rivolto a tutte le società sportive, a tutti coloro che operano nel mondo dello sport e riconoscono «nell’esperienza sportiva una grande risorsa educativa a disposizione della persona umana e della collettività. Lo sport è un bene educativo di cui nessun ragazzo dovrebbe fare a meno. Milioni di ragazzi sono cresciuti e sono diventati adulti e bravi cittadini giocando e praticando» (dal Manifesto).

Il Segretario generale della Cei, monsignor Mariano Crociata, in occasione della presentazione ufficiale ha ribadito che «l’attenzione della Chiesa per lo sport educativo è una realtà che viene “da lontano”, come mostrano le parrocchie, gli oratori, la storia delle stesse associazioni promotrici, oltre al Magistero dei Papi e dei Vescovi che nel corso dei decenni hanno variamente parlato dell’importante valenza educativa dello sport per la crescita integrale della persona». Il presidente del Coni, Gianni Petrucci, ha ricordato il ruolo importante svolto dalle realtà ecclesiali in campo educativo e formativo, specie in favore dello sport di base e negli ambienti educativi.

Questo convegno vuole essere l’occasione per rimettere a fuoco i veri valori dello sport e non sciupare questa straordinaria opportunità educativa: «Noi riteniamo che lo sport non debba essere asservito alle logiche del mercato e della finanza, basato sull’arroganza dei “cattivi maestri”, basato sulla selezione dei pù forti a scapito di uno sport per tutti, sull’illegalità, sull’uso di sostanze dopanti e che propone modelli e stili di vita centrati sull’egoismo, l’individualismo e il consumismo» (dal Manifesto).

Info: tel. 0258391414 – sport@diocesi.milano.it

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi