L’assessore Rossi: «Un contributo di 500 mila euro per attività aggregative e formative». Interventi anche sul Credito sportivo

Antonio Rossi

«Una misura che promuove occasioni di valorizzazione dell’impegno e della creatività dei nostri giovani». Così l’assessore allo Sport e Politiche per i giovani di Regione Lombardia ha commentato l’approvazione da parte della Giunta, su sua proposta, dello schema di accordo con il Dipartimento per le Politiche giovanili della Presidenza del Consiglio. «Grazie a questa intesa e al progetto “Giovani Insieme” proposto dalla Regione ecclesiastica Lombardia – ha spiegato l’assessore – 30 giovani, di età compresa tra i 20 e i 30 anni, saranno inseriti negli oratori delle Diocesi lombarde, al fine di potenziare e realizzare attività mirate a favorire l’aggregazione giovanile».

L’accordo è frutto dell’Intesa, sancita in sede di Conferenza unificata il 17 ottobre 2013, tra Governo, Regioni ed Enti locali, sul Fondo nazionale per le politiche giovanili. «A Regione Lombardia – ha ricordato l’assessore – spetta una quota di 466.730,27 euro, che noi integreremo con 116.682,57, avviando così gli interventi che, a partire dal mese di giugno, si svolgeranno fino al 31 agosto 2015».

«Gli oratori lombardi – ha aggiunto l’assessore – rappresentano un luogo di particolare importanza strategica per lo sviluppo del mondo giovanile e sono un punto di riferimento educativo, formativo, sportivo e ludico anche per diverse famiglie». «Con questa delibera – ha concluso – Regione Lombardia tutela e promuove gli oratori, favorendo la realizzazione di attività aggregative che interessano giovani e famiglie e attraverso l’impegno di altri ragazzi che si mettono in gioco con le loro competenze e la loro creatività».

«Un nuovo impulso alla creazione e all’ammodernamento degli impianti sportivi della nostra regione, ma anche un segnale concreto e tangibile dell’impegno della Giunta a favore dello sport e dei giovani lombardi». L’ha detto l’assessore Rossi, commentando l’approvazione dello schema di convenzione con l’Istituto per il Credito sportivo approvato dalla Giunta su sua proposta. «Abbiamo ulteriormente migliorato e perfezionato uno strumento – ha sottolineato l’assessore -, che consente ai proprietari e gestori degli impianti sportivi di accedere al finanziamento dell’Istituto per il Credito sportivo a tassi agevolati, con l’intervento di Regione Lombardia sul versante dell’abbattimento degli interessi». «In Lombardia si svolge il 20% dello sport nazionale – ha ricordato l’assessore -, ma i nostri atleti o si trovano a che fare con impianti bisognosi di qualche miglioria o abbisognano di nuove strutture. Fin dall’inizio del mio mandato ci siamo mossi in questa direzione, approvando l’Accordo di programma quadro per lo sviluppo e il rilancio dello sport in Lombardia, con un investimento di 20 milioni di euro».

«Per quanti vorranno adeguare le loro strutture sportive o crearne di nuove – ha continuato l’assessore, – come è auspicio di Regione e Coni anche per le aree di Expo dopo la chiusura della grande Esposizione universale, questa quarta convenzione, dopo le precedenti del marzo 2005, settembre 2007 e febbraio 2011, prevede che, nei prossimi tre anni, l’Istituto per il Credito Sportivo potrà finanziare in Lombardia, fino a un massimo di 120 milioni di euro, interventi dedicati all’impiantistica sportiva di base e a uso pubblico sia per l’ammodernamento sia per la realizzazione di nuove strutture sportive».

«È in fase di studio – ha annunciato l’assessore -, per ovviare alla impossibilità di molti Enti territoriali di concedere la fideiussione comunale a garanzia del finanziamento, un apposito Fondo di garanzia anche a favore dei concessionari, che renderà più facile l’ottenimento del prestito, per gli interventi. Non cambia la finalità dei futuri bandi, che saranno rivoli all’ottenimento di contributi in conto interessi". "Con le 3 precedenti convenzioni – ha spiegato l’assessore – Regione Lombardia ha indetto 7 bandi finalizzati alla riqualificazione del patrimonio impiantistico sportivo a uso pubblico, che hanno consentito di riqualificare i centri sportivi regionali attraverso la realizzazione di quasi 100 milioni di euro di opere, con un contributo regionale in conto interessi di circa 30 milioni di euro».

«Grazie alla nuova convenzione con l’Istituto per il Credito sportivo – ha concluso l’assessore – Regione Lombardia sarà in grado di rispondere in modo ancora più efficace al bisogno di impianti moderni, manifestato a gran voce dai tanti atleti e società del territorio, ammodernando le realtà esistenti o creandone di nuove, garantendo difesa del suolo, sostenibilità ambientale e spazi ai nostri giovani, per fare moto e crescere in piena salute contenendo così la spesa sanitaria». 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi