Link: https://www.chiesadimilano.it/news/chiesa-diocesi/pontificale-in-duomo-si-apre-lanno-pastorale-2508596.html
Share

Natività di Maria

Pontificale in Duomo, si apre l’anno pastorale

Venerdì 8 settembre, alle 9.30, la solenne celebrazione presieduta dall’Arcivescovo con il Rito di ammissione al diaconato, al presbiterato e al diaconato permanente (diretta tv, radio e web). Alle 12 in Curia conferenza stampa di presentazione della Proposta pastorale, intitolata «Viviamo di una vita ricevuta»

4 Settembre 2023

Venerdì 8 settembre, alle 9.30, l’Arcivescovo di Milano, monsignor Mario Delpini, presiederà in Duomo la Messa pontificale che, come da tradizione, inaugura il nuovo anno pastorale in occasione della Festa della Natività di Maria, patrona della cattedrale.

Durante la celebrazione (vedi qui il libretto liturgico) si svolgerà il Rito di ammissione di undici candidati al diaconato e al presbiterato (giovani seminaristi che iniziano la terza teologia, la seconda parte della formazione al sacerdozio) e di un laico candidato al diaconato permanente.

La celebrazione verrà trasmessa in diretta su Telenova (canale 18 del digitale terrestre), su Radio Mater e sul portale diocesano www.chiesadimilano.it e sul canale Youtube.com/chiesadimilano. Il racconto della giornata anche su Radio Marconi con diversi collegamenti nel corso della mattina e, alle 18.40, con la messa in onda di uno speciale approfondimento.

Dopo il Pontificale, alle 12, nella Sala conferenze della Curia arcivescovile (piazza Fontana 2), l’Arcivescovo illustrerà ai giornalisti i contenuti della Proposta pastorale e risponderà alle loro domande. Con lui sarà presente monsignor Luca Bressan, Vicario episcopale per la Cultura, la Carità, la Missione e l’Azione Sociale.

La Proposta pastorale

«Viviamo di una vita ricevuta»: questo il titolo della Proposta pastorale per l’anno 2023-2024, un testo in cui l’Arcivescovo, come scrive nell’Introduzione, incoraggia tutti «a non rinunciare alla responsabilità della testimonianza, della proposta, dell’accompagnamento educativo sui temi che riguardano l’educazione affettiva, la preparazione al matrimonio religioso, l’accoglienza della vita, il lavoro, la pace, il tempo della terza età».

Come spiega monsignor Delpini in un altro passaggio, «la mia intenzione non è di proporre una sintesi dottrinale su temi delicati e complessi. Desidero piuttosto mettere in evidenza il principio fondamentale del vivere e il punto di partenza per le scelte alle quali la responsabilità di ciascuno non può sottrarsi. (…) Credo che vivere la fede come amicizia, sequela, comunione con Gesù sia la condizione per riconoscere di vivere una vita ricevuta in dono e costituisca l’antidoto più necessario per resistere alla tentazione dell’individualismo radicale che, a mio parere, sta portando al suicidio della nostra civiltà. (…) Siamo insieme credenti e non credenti, terra assetata che invoca la fonte che zampilla e terra promessa che offre speranza ai nostri contemporanei. Perciò impariamo e cerchiamo di praticare lo stile di Gesù per percorrere le strade dell’inquietudine e dello scoraggiamento, per imparare a dialogare, per seminare speranza».

Di seguito i titoli dei capitoli della Proposta pastorale, che verrà consegnata ai giornalisti presenti alla conferenza stampa, e che da venerdì stesso sarà disponibile nelle librerie cattoliche e acquistabile dal portale diocesano: «Colui che mangia me vivrà per me»; La vita è dono d’amore e vocazione ad amare: l’educazione affettiva; La fedeltà, compimento dell’amore; Il dono della vita; La dignità del lavoro, per nobilitare la vita; Gli operatori di pace saranno chiamati figli di Dio; Gli anni della sapienza e della fragilità: il dono e la responsabilità della vita.