Sirio 04-10 marzo 2024
Share

Estate

Oratori 2.0, al servizio dei più giovani

Non solo giochi e catechismo, molte strutture rispondono anche al crescente disagio adolescenziale. Ne parla «Il Segno» di giugno nel servizio di copertina

11 Giugno 2023

Sono più di 900 realtà nella Diocesi di Milano: sono gli “oratori 2.0”, realtà vive e vivaci, luoghi in cui i più giovani possono trovare risposte e ascolto ai bisogni e alle fragilità accresciute dopo il periodo pandemico.

La storia di copertina del numero di giugno de Il Segno, il mensile della diocesi di Milano, racconta i quattro punti chiave per la prevenzione del disagio – aggregazione, formazione, sport e autonomia – sottolineati dal progetto «Giovani in cammino» (2022-23) di Regione Lombardia per gli Oratori delle diocesi lombarde (Odl), che si concretizzano negli oratori aperti a tutti, con orari il più possibile mirati, educatori e volontari pronti all’accoglienza (leggi qui).

Ciò che risulta chiaro è la necessità di agire in sinergia con altre realtà del territorio (dalle scuole agli enti del Terzo settore) e essere un ponte tra la Chiesa e la strada, cercando di far incontrare gli adolescenti e le persone che vivono il quartiere. Con un’avvertenza: gli oratori non esistono per curare il disagio, ma per essere un ambiente di divertimento e crescita positiva.

«C’è grande bisogno di ascolto, bisogna trovare le fragilità e cercare di aiutare singolarmente tutti. Molti ragazzi con l’oratorio hanno trovato una via d’uscita», spiega don Stefano Polli della parrocchia di San Gaetano a Melegnano. Si raccontano quindi le esperienze di Varese (con il progetto “Happiness”), Melegnano e Appiano Gentile e la storia dell’oratorio di Santa Maria delle Grazie al Naviglio a Milano, con il suo “abitare la Riva”. Esperienze che fanno eco alle parole di don Stefano Guidi, coordinatore Odl, che sottolinea come esistano tante storie di vicinanza e quotidianità da raccontare per generare fiducia e speranza.

Oratori, quindi, al servizio dei giovani. Oratori che cambiano per seguire il percorso di vita dei ragazzi. «Questo l’oratorio lo fa, l’ha sempre fatto e continuerà a farlo. Il futuro dell’oratorio non mi preoccupa. Vorrei che continuasse a essere una spina nel fianco, un luogo che provoca un pensiero educativo per tutti, non solo all’interno della comunità cristiana», ribadisce don Guidi.

Vai al numero di giugno de Il Segno

 

Leggi anche:

Su «Il Segno» di giugno gli oratori e il disagio giovanile

Delpini agli animatori: «Una scuola per un’estate felice»

I ragazzi “registi” dell’estate

Oratori, una giornata in Darsena

Oratorio estivo, animatori in formazione a La Montanina e Villa Grugana