Link: https://www.chiesadimilano.it/news/chiesa-diocesi/lavoratori-protagonisti-nella-costruzione-del-bene-comune-2801210.html
Sirio 26 - 31 maggio 2024
Share

Veglia

Lavoratori protagonisti nella costruzione del bene comune

La partecipazione del mondo del lavoro allo sviluppo di una società equa al centro della serata di riflessione e preghiera in programma il 23 aprile a Desio con la partecipazione dell’Arcivescovo, che in questo periodo visiterà anche alcune aziende

di don Nazario COSTANTEResponsabile del Servizio diocesano per la Pastorale sociale e del lavoro

17 Aprile 2024

Martedì 23 aprile, presso il Consorzio Desio-Brianza a Desio, con inizio alle 21, la Diocesi di Milano vivrà come tradizione una serata di riflessione e di preghiera per il mondo del lavoro, presieduta dall’Arcivescovo monsignor Mario Delpini (vedi qui la locandina). Saranno presentate testimonianze significative dal mondo del lavoro a partire dal nostro territorio, seguite da interventi autorevoli di esperti nel campo sociale ed economico come don Bruno Bignami, direttore dell’Ufficio nazionale per i problemi sociali e il lavoro della Cei, e la professoressa Simona Beretta, docente di Politica economica all’Università Cattolica e direttrice del Centro di Ateneo per la Dottrina sociale della Chiesa.

Un contributo al progresso materiale e spirituale

In attesa della prossima Settimana Sociale dei cattolici in Italia, sul tema «Al cuore della democrazia: partecipare tra storia e futuro», evento di grande rilevanza per il dibattito sociale e politico, i Vescovi italiani hanno condiviso il loro messaggio in occasione della Festa dei Lavoratori del 1° maggio 2024, richiamando l’importanza della partecipazione attiva e consapevole dei lavoratori nella vita politica e sociale del Paese. Riflettendo sulle parole dell’enciclica Centesimus Annus di Giovanni Paolo II e sul primo articolo della Costituzione italiana, possiamo approfondire il valore del “lavoro” non solo perché soddisfa i bisogni esistenziali dell’essere umano, ma anche perché lo arricchisce di senso e significato, rendendolo protagonista della costruzione di una società giusta e solidale. La res publica, la «cosa pubblica», è infatti il frutto del lavoro di uomini e donne che contribuiscono al progresso materiale e spirituale dell’intera umanità. Pertanto, alla luce della fondamentale importanza che il lavoro riveste per la vita di ogni persona e della comunità, è necessario che esso sia accessibile a tutti e che vengano rimossi gli ostacoli che non consentono ai lavoratori di esprimere appieno il loro potenziale.

Una questione di dignità

Lasciandoci guidare dal magistero della Chiesa, in particolar modo dall’enciclica Fratelli tutti, comprendiamo che il lavoro va al di là della semplice questione economica: esso edifica la persona e genera la comunità, perché senza la partecipazione di tutti, in una vera prospettiva di sviluppo umano integrale e solidale, non è possibile realizzare il sogno della democrazia. Mai come in questo tempo sentiamo la necessità di rimettere al centro la questione “lavorativa”, alla luce del Vangelo, e di dare un’anima all’economia, consapevoli che «ai problemi sociali si risponde con reti comunitarie» (Laudato si’, 219). Se da un lato la società sembra rinchiudersi in forti individualismi, in cui l’interesse di parte prevale sul tutto, e ci consegna un contesto competitivo in cui non vi è spazio per la “cura” del debole, dello “scarto”, del più fragile, dall’altro sperimentiamo come, a partire dalle nostre comunità, esista un desiderio nuovo di partecipazione, «di costruire una città nuova a partire dall’antica fontana», come diceva Giorgio La Pira.

La città nuova che vogliamo costruire mette al centro il grande tema del lavoro cercando di «far germogliare i semi che Dio ha posto in ciascuno, le sue capacità, la sua iniziativa, le sue forze» (Fratelli tutti, 162). È una questione di dignità. La dignità della persona risiede infatti nel suo essere “soggetto attivo” della società, e questo si realizza attraverso il lavoro. Laddove manca questa possibilità, non si favoriscono il riconoscimento e la promozione della dignità. Il lavoro, come più volte ci ricorda papa Francesco, è un’unzione di dignità.

Le nuove sfide

Nel messaggio dei Vescovi non si ignorano le sfide e le ingiustizie presenti nel mondo del lavoro, come il precariato, lo sfruttamento dei lavoratori immigrati e la mancanza di sicurezza. Sono problemi che richiedono una risposta urgente e un impegno concreto da parte di tutti gli attori sociali e politici. È necessario adottare politiche e misure concrete per garantire un lavoro dignitoso per tutti, con salari equi, condizioni di lavoro sicure e diritti garantiti. A questo si aggiunge l’importanza di investire in progettualità, formazione e innovazione per creare un ambiente lavorativo equo e inclusivo. È fondamentale promuovere una cultura imprenditoriale basata sulla responsabilità sociale e sull’inclusione, che da un lato valorizzi le capacità e i talenti di ciascuno, dall’altro che abbia a cuore la “casa comune” mettendosi al servizio della sua custodia e favorendo processi di vera fraternità.

Le nuove tecnologie possono essere un’opportunità per creare posti di lavoro sostenibili e contribuire alla costruzione di una società più giusta e rispettosa dell’ambiente. L’ecologia integrale tiene insieme, nella logica del «tutto è connesso» della Laudato si’, la dimensione economica e quella ambientale. Questa prospettiva nelle questioni lavorative si impone in tutta la sua forza: il lavoro è legato alla famiglia, al territorio, alla tutela della salute, non è un’entità separata dal resto della vita della persona, occorre integrarlo nel contesto delle relazioni umane significative e dei valori condivisi. Prendersi cura del lavoro è quindi un atto di carità politica e di democrazia, un impegno che coinvolge tutti noi nel costruire un futuro migliore, un impegno che abbraccia l’integrità della persona e della società.

Come Chiesa ambrosiana continuiamo ad ascoltare e a sostenere i lavoratori, specialmente coloro che si trovano in situazioni di vulnerabilità e precarietà. Manifestiamo la nostra vicinanza e solidarietà verso coloro che faticano nel trovare un lavoro dignitoso o che vivono difficoltà economiche e sociali, chiamati a essere “artigiani della pace” in questo “cambiamento d’epoca”, riconoscendo e promuovendo la dignità di tutti.

Visite alle aziende

Nei giorni che precedono l'1 maggio l’Arcivescovo effettuerà visite ad alcune aziende, dove porterà la sua benedizione: lunedì 22 aprile, in prima mattinata, si recherà presso la Ditta Aprochimide di Muggiò (via della Repubblica 74), che distribuisce prodotti chimici, materie prime e minerali; successivamente sarà all’Azienda Figini di Cesano Maderno (via Donghi 1/3), attiva nel settore artigianale (guidata da Francesco Figini, neopresidente dei giovani imprenditori di Confartigianato); infine toccherà all’Azienda Bracco Imaging Spa (farmaceutica) di Ceriano Laghetto (via per Ceriano 1). Tornato a Milano, alle 12, nella sede di Aquila e Priscilla presso la parrocchia di San Giorgio al Palazzo (piazza San Giorgio 2), monsignor Delpini incontrerà i lavoratori del settore educativo, con l'obiettivo di valorizzare quella categoria di lavoratori che ha un ruolo cruciale nella formazione delle nuove generazioni.
Martedì 30 aprile sono poi in programma altre due visite a Milano, alla sede di Confcooperative (sarà presente Massimo Minelli, presidente di Confcooperative Lombardia) e al deposito Atm (prevista la presenza della presidente Gioia Maria Ghezzi).

Leggi anche

Intervista
tirocini studenti-2

Beretta: «Favorire la partecipazione a forme comunitarie di esperienza lavorativa»

Oltre al riconoscimento della dignità del lavoro, alla garanzia di un giusto salario e alla tutela della vita e della salute dei lavoratori, è questa una delle urgenze secondo la docente della Cattolica, che interverrà alla Veglia del 23 aprile a Desio

di Annamaria BRACCINI