Link: https://www.chiesadimilano.it/news/chiesa-diocesi/la-nostra-terra-il-nostro-cambiamento-1777425.html
Share

Ecologia

La nostra Terra, il nostro cambiamento

Tre appuntamenti in streaming proposti da Caritas Ambrosiana, Aggiornamenti Sociali e Fondazione Casa della Carità guardano al cammino fatto in vista dell'Agenda Onu 2030

24 Aprile 2023

Caritas Ambrosiana, Aggiornamenti Sociali e Fondazione Casa della Carità uniscono le forze per una proposta culturale dal titolo: «La nostra Terra, il nostro cambiamento. Percorsi locali per obiettivi globali: l’Agenda Onu 2030». Tre appuntamenti in streaming, per approfondire e rimettere al centro l’attualità di alcuni contenuti dell’Agenda 2030 e – visto che siamo a metà del percorso per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile – per promuovere e diffondere esperienze e progetti concreti attraverso cui, singoli cittadini o organizzazioni locali, contribuiscono al loro raggiungimento. Il primo incontro sarà mercoledì 26 aprile dalle 18.00 alle 19.15 sul tema «L’energia che crea comunità. Esperienze di energie locali, pulite, solidali». La partecipazione è rivolta alle reti di operatori/volontari dei soggetti proponenti, ma anche a tutte le persone interessate all’argomento. È possibile iscriversi qui.

Uno degli elementi di novità che l’Agenda porta con sé è il giudizio di insostenibilità del modello di sviluppo prevalente, sotto il profilo economico, ambientale e sociale. Queste tre dimensioni, infatti, sono strettamente correlate nei goal e target dell’Agenda, affermandone quindi la forte integrazione.

 Se l’Agenda 2030 rappresenta una sorta di piattaforma capace di coagulare l’impegno di attori assai diversi, attorno a questioni che riguardano quella che è tradizionalmente identificata come promozione della giustizia sociale, presentando significative consonanze con l’approccio dell’ecologia integrale dell’enciclica Laudato si’, abbiamo pensato che debba essere oggetto di realizzazione di specifiche politiche non solo da parte delle pubbliche amministrazioni ma anche di potenziali sinergie tra enti locali e organizzazioni della società civile, nell’ottica dell’esercizio di forme di cittadinanza attiva.

 Nel 2023 ci troviamo a metà del percorso dell’Agenda, che copre il periodo 2015-2030. Pur con molte differenze e disomogeneità, i risultati raggiunti non sono incoraggianti, a livello globale, nazionale o locale. Se vogliamo raggiungere gli obiettivi, dobbiamo intensificare gli sforzi. Per sostenere e promuovere la voglia di attivazione locale in ottica di cambiamento globale proponiamo tre primi ambiti in cui ambiente, società ed economia procedono strettamente uniti.

Gli altri due incontri saranno mercoledì 17 maggio e mercoledì 7 giugno. Qui il programma completo.