Share

Faenza

In Romagna la carica dei volontari di Caritas Ambrosiana

A due mesi dall’alluvione, studenti, lavoratori e pensionati proseguono la loro azione a favore delle famiglie e per il rispristino di edifici e attrezzature

di Paolo BRIVIO

27 Luglio 2023

La carica (di generosità) dei cento meno uno. I 99 volontari che, nei due mesi successivi al disastro di maggio, sono stati inviati da Caritas Ambrosiana nei territori alluvionati della Romagna hanno dato una robusta mano alle operazioni di sostegno alle famiglie, di pulizia di case ed edifici, di distribuzione di aiuti e di gestione del magazzino, che hanno il loro fulcro nel Centro di coordinamento interdiocesano di Faenza.

I numeri degli interventi

Organizzati in 25 squadre, studenti di quinta superiore, universitari, altri giovani, ma anche dipendenti di aziende e di fondazioni e pensionati con esperienza nel mondo Caritas, i quasi cento volontari ambrosiani hanno sviluppato in due mesi (dati aggiornati a metà luglio, oggi ulteriormente irrobustiti) circa 1.600 ore di lavoro gratuito, collaborando con operatori e volontari locali e raggiungendo circa 200 nuclei familiari alluvionati, nelle case dei quali hanno condotto interventi di ripristino e sgombero, o ai quali hanno consegnato macchine per la pulizia e la deumidificazione degli edifici.

Anche la dotazione di attrezzature che Caritas Ambrosiana ha reso disponibili alle Caritas romagnole è stata cospicua: alle 20 idropulitrici elettriche e alle 8 a motore, ai 13 aspiraliquidi, ai 54 deumidificatori e agli 11 gruppi elettrogeni vanno aggiunti 1 carrello elevatore e 2 transpallet, 30 carriole, 100 pale e 300 guanti da lavoro, ma anche 1.000 scatoloni per la preparazione di kit alimentari (per 300 famiglie), per l’igiene personale (altre 300 famiglie), per la pulizia di locali (per 1.800 famiglie), oltre a 30 metri di scaffali e una tendostruttura da 120 metri quadri di superficie.

Parte la ricostruzione

L’aiuto emergenziale continua imperterrito, e si protrarrà per l’intera estate: le adesioni di nuovi volontari non mancano. Ora si apre però anche la fase della ricostruzione di infrastrutture di rilevanza pubblica: Caritas Ambrosiana, in particolare, ha confermato la disponibilità a supportare la ristrutturazione del centro diurno “Francesca Cimatti”, completamente devastato dalle acque. L’infrastruttura polifunzionale, gestita dalla cooperativa sociale “L’Alveare”, che opera nell’orbita della Caritas diocesana di Faenza-Modigliana, è l’unica, a Faenza, che offre accoglienza e servizi mirati ad anziani parzialmente non autosufficienti. Caritas Ambrosiana si è impegnata a mettere a disposizione 227 mila dei 327 mila euro valutati come necessari a ristrutturare l’edificio danneggiato dall’alluvione, dotarlo delle attrezzature necessarie per la fisioterapia e riattivare gli spazi ludico-ricreativi.

In prospettiva, Caritas Ambrosiana sta valutando altre azioni d’aiuto, concordate con le Caritas locali. Si guarda, in particolare, alle difficoltà (con conseguente rischio di spopolamento) che sperimentano tante piccole comunità collinari e di montagna, isolate dalle zone di pianura dalle tante frane generatesi nei giorni dell’alluvione di maggio.

Leggi anche

Solidarietà
IMG-20230716-WA0021 (1)

Da Merone aiuti alle scuole alluvionate dell’Emilia-Romagna

Con l’impegno congiunto della parrocchia e della Fondazione Asilo “Zaffiro Isacco” trasportati a Massa Lombarda (Ravenna) arredi e materiale scolastico. Così a settembre gli alunni potranno riprendere le lezioni

di Enrico VIGANÒ

Testimonianza
I ragazzi del Tito Livio a Faenza

«Volontaria in Emilia-Romagna, un’esperienza di fratellanza»

Valentina, 18enne milanese, racconta il fine settimana trascorso a portare aiuto con Caritas nelle zone alluvionate e i legami di solidarietà creati con le popolazioni

Emilia-Romagna
volontario_macchine

A un mese dall’alluvione Caritas programma nuovi aiuti

La fornitura di attrezzature specifiche per l’emergenza, i progetti di ricostruzione, il lavoro di 60 volontari: bilancio e prospettive dell’azione in corso

Riflessione
IMG-3239

Emilia-Romagna, oltre il dramma la voglia di ripartire

Si contano i danni, ma si lavora già alla ricostruzione, anche grazie alla solidarietà e alla vicinanza giunte da più parti. Una lezione di fraternità di cui fare tesoro

I direttori dei settimanali delle diocesi alluvionate della Romagna