Sirio 01-03 marzo 2024
Share

Emilia-Romagna

A un mese dall’alluvione Caritas programma nuovi aiuti

La fornitura di attrezzature specifiche per l’emergenza, i progetti di ricostruzione, il lavoro di 60 volontari: bilancio e prospettive dell’azione in corso

16 Giugno 2023
Un volontario in azione

Un mese dopo, ancora alle prese con il fango, l’umidità, la rovina delle cose, un’emergenza privata e pubblica diffusa in mille strade, in mille alloggi, in mille luoghi del vivere e del lavorare insieme. Le popolazioni dell’Emilia Romagna, colpita nella notte tra il 16 e 17 maggio da un’alluvione catastrofica, hanno manifestato coraggio e spirito di resistenza invidiabili, ma continuano – e per lungo tempo continueranno – ad aver bisogno di un sostegno importante. Quello che Caritas Ambrosiana, all’interno del coordinamento nazionale, assicura da un mese, e si ripromette di assicurare a lungo.

Il coordinamento a Faenza

Gli operatori dell’Area emergenze di Caritas Ambrosiana lavorano a supporto del Centro di coordinamento interdiocesano Caritas, che da Faenza orchestra interventi nelle diocesi colpite (oltre a Faenza-Modigliana, anche Cesena-Sarsina, Forlì-Bertinoro, Imola e Ravenna-Cervia). La rete Caritas ha messo a disposizione strumenti specifici, ottenuti anche grazie a generose donazioni, per fronteggiare i danni da allagamento: circa 60 deumidificatori, 25 idropulitrici elettriche e 6 a benzina, 15 aspiraliquidi, 12 gruppi elettrogeni (cui si aggiungono pale, carriole, altri materiali).

Il contributo dei giovani

Queste attrezzature vengono utilizzate da squadre di volontari che intervengono nelle abitazioni, sulla base dei bisogni delle famiglie in maggiore difficoltà, raccolti e segnalati dalle Caritas locali. I volontari ambrosiani alternatisi nei territori alluvionati, circa 60, sono stati soprattutto giovani, dai quali è pervenuta una sorprendente e generosa risposta solidale: insieme a colleghi locali e di altre parti d’Italia hanno spalato, pulito, asciugato, disincrostato, e insieme ascoltato (riportando bisogni) e confortato centinaia di persone e famiglie. A cui hanno distribuito anche un migliaio di kit per la pulizia della casa, altrettanti per l’igiene del corpo e altrettanti con aiuti alimentari.

I kit per gli aiuti raccolti a Faenza

I prossimi passi

Sulla base della conoscenza del territorio maturata, ora Caritas Ambrosiana intende confermare e potenziare, in accordo con Caritas Italiana e la delegazione regionale Caritas dell’Emilia Romagna, il proprio impegno a favore delle popolazioni alluvionate. Continueranno a essere resi disponibili volontari (chi fosse interessato, può scrivere a emergenze@caritasambrosiana.it), organizzando anche le disponibilità provenienti da fondazioni e aziende lombarde e sviluppando in futuro esperienze di servizio sui fronti dell’aggregazione, dell’educazione, del supporto psicologico.

Sul versante delle infrastrutture, invece, verranno condotte sino a quando sarà necessario le azioni di ripristino di edifici, ma già si pensa a interventi su strutture di interesse pubblico e uso collettivo: la prima radicalmente ristrutturata, a partire dalle prossime settimane, sarà il centro diurno anziani “Cimatti” di Faenza, invaso nei giorni dell’alluvione da 6-7 metri d’acqua, ma che deve presto tornare a ospitare la trentina di anziani parzialmente autosufficienti, ai quali una cooperativa sociale collegata alla Caritas diocesana garantiva da anni servizi, relazioni, sollievo, qualità di vita. Valori che l’azione Caritas intende ripristinare, mettendosi alle spalle la condanna del fango. 

Per sostenere la raccolta fondi di Caritas Ambrosiana

▪ Con carta di credito online: https://donazioni.caritasambrosiana.it

▪ In posta: ccp n. 000013576228 intestato Caritas Ambrosiana Onlus – Via S. Bernardino 4, 20122 Milano

▪ con bonifico c/c presso il Banco Bpm Milano, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus (Iban:IT82Q0503401647000000064700)
Causale: Alluvione Emilia Romagna – Marche 2023

Le offerte sono detraibili fiscalmente

Leggi anche:

Romagna, lungo lavoro d’aiuto per gli operatori Caritas

Caritas, solidarietà concreta alle vittime dell’alluvione